Intervista al ceo

Bulgari, le novità di Watches & Wonders fra ultraslim e orologi-gioiello

Jean-Christophe Babin rivela i nuovi modelli presentati nella nuova fiera di Ginevra e parla del presente e del futuro dell’industria del lusso: «I vaccini risolveranno, ma l’Europa deve accelerare»

di Paco Guarnaccia

default onloading pic

4' di lettura

Seppure in digitale, quello che inizia oggi sarà il primo Watches and Wonders di Ginevra per molti brand. Tra questi Bulgari, il cui ceo Jean-Christophe Babin si prepara ad affrontare questa settimana dopo avere chiuso il primo trimestre 2021 in modo soddisfacente. Senza poter entrare nello specifico prima della pubblicazione ufficiale dei dati, sottolinea: «Siamo sopra al 2019 in quei Paesi in cui non è forte l'incidenza del turismo e di poco sotto in nazioni come Francia e Italia. In Italia il team locale ha fatto un lavoro eccezionale per accrescere la clientela domestica che è aumentata del 25%, anche se non possono bastare tre mesi per compensare la massa enorme di travel retail scomparsa che per noi, come per tutti i marchi del lusso, è la parte più importante».

Dopo la partecipazione agli Lvmh Watch Days dello scorso gennaio, Babin preannuncia una seconda edizione dei Geneva Watch Days (di cui Bulgari è stato membro fondatore) per la seconda parte dell'anno. Ma dopo anni di presenza a Baselworld oggi c'è uno storico debutto a Watches and Wonders di Ginevra.

Loading...

Le novità, dall’ultra slim ai pezzi unici

Qui il focus di Bulgari è incentrato sull'orologeria maschile che vale il 25% in questo settore del marchio ed è - spiega il ceo - «in crescita nel segmento alto di gamma e nelle complicazioni, un fenomeno che rileviamo anche nella gioielleria. A Watches and Wonders di Ginevra lanciamo l'Octo Finissimo Calendario Perpetuo, modello il cui spessore totale di 5,80 mm ci permettere di segnare il settimo record tra gli ultraslim. Nonostante sia una grande complicazione è pensato per essere indossato ogni giorno».

Bulgari, le novità di Watches and Wonders

Bulgari, le novità di Watches and Wonders

Photogallery9 foto

Visualizza

Tra le novità anche degli Octo Finissimo Cronografo, un Octo Finissimo Tadao Ando in 160 pezzi realizzato con il celebre architetto giapponese. Per il polso femminile ci sono il Serpenti Misteriosi Cleopatra, spettacolare orologio/bracciale con pietre preziose (esemplare unico), due Diva's Dream Divissima e due Allegra.

«Le fiere sono cambiate per sempre»

Restando sul tema fiere e relativo impegno economico, il vero banco di prova con Watches and Wonders per il brand si avrà nel 2022: «Per quest'anno, essendo tutto digitale, i costi saranno simili a quelli dei Geneva Watch Days. Per il futuro, sicuramente non spenderemo mai più cifre come quelle di Basilea o quello che avremmo potuto spendere all'Sihh (il nome della versione precedente di Watches and Wonders, ndr). Oltre a questo, non parteciperemo più a saloni con un format uguale a quelli del passato». I motivi? «Oggi i dealer hanno bisogno di prodotto, capirne il potenziale e venderlo. Non sono interessati a vedere quanto il tuo stand sia il più bello. Se il prossimo Watches and Wonders sarà ispirato all'idea dei Geneva Watch Days, un misto di fisico e digitale con la partecipazione dei 38 marchi più prestigiosi (anche se ne mancano alcuni all'appello), quindi con una rappresentanza completa dei marchi di lusso, ben venga. Se, invece, sarà una “Baselworld refresh” con un pizzico di digitale e dei diversivi, ma sempre a costi elevatissimi e con poco margine di decisione per noi marchi, non mi soddisferà. Siamo entrati in un mondo nuovo, non solo per le fiere, ma per tanti aspetti del business che il post-covid non potrà cancellare».

Focus sull’e-commerce, ma le boutique restano centrali

Mondo nuovo in cui l'e-commerce non è più una sorpresa. Anche nei primi tre mesi dell'anno, come conferma infatti Babin, «la crescita è stata doppia rispetto a quella prevista per il 2021. Del resto il covid è ancora presente e, in Europa in particolare, è ancora tutto chiuso. Ma abbiamo sviluppato molto la nostra piattaforma che ora copre 18 Paesi (erano 8 a marzo 2020, ndr) e l'abbiamo integrata al nostro database di clienti».

Questo non significa che le boutique di proprietà non siano animate, pur restando al momento chiuse alla vendita al dettaglio in alcuni Paesi, come l'Italia. Spiega il manager: «Il nostro database, integrato con dei sistemi di intelligenza artificiale, permette al personale di proporre il prodotto giusto, al momento giusto e al cliente giusto. Ma senza essere invasivi: siamo un marchio del lusso. Il personale è all'interno per l'assistenza post vendita o per preparare i prodotti acquistati da remoto».

Guardando un po' più in là su come si svilupperà il 2021, Babin non ha dubbi: «Peggio del primo trimestre sarà impossibile. Mezza Europa è stata paralizzata e l'America è ancora colpita. Sul fronte dei vaccini la situazione europea è incomprensibile e irritante anche perché la Gran Bretagna, che è una democrazia con le stesse regole e che otto mesi fa tutti prendevano in giro, come durante la Seconda Guerra Mondiale ha dimostrato che quando si va in guerra si fa sul serio e oggi ha il 45% dei vaccinati. In Europa sono l'8%: una cifra che rappresenta uno dei peggiori fallimenti della sua storia. Non che in Svizzera sia stato fatto meglio di Francia o Italia».

«Entro l’estate la situazione migliorerà»

Tutto quindi dipenderà dalla campagna vaccinale: «Sono fiducioso. Se i governi manterranno le promesse, entro l'estate la situazione migliorerà. Però avrebbe potuto migliorare anche prima e da imprenditore mi fa un po' arrabbiare. Un'azienda avrebbe gestito la situazione in un modo molto diverso. La fiducia ripartirà e torneranno i turisti. I cinesi sono stati chiari: daranno i visti verso Paesi Covid-free». Mercato cinese in cui, chiude Babin, «manteniamo il nostro ranking e, da quel che ho visto nel primo trimestre, il risultato è ben al di sopra di quello delle esportazioni dell'intero mercato svizzero. Certamente il periodo di riferimento è ancora troppo breve e questa valutazione va fatta su un rolling di 12 mesi. Sappiamo però che sugli orologi guadagniamo quote in Cina e in Giappone».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti