Sport

Bundesliga: il Bayern travolge il Borussia e si aggiudica il 'Klassiker', Lipsia al secondo posto

a cura di Datasport

3' di lettura

Il Bayern Monaco strapazza il Borussia Dortmund nel 'Klassiker' e allunga in classifica: 1-3 il risultato finale. Gli uomini di Heynckes si portano sul 3-0 con Robben e la doppietta di Lewandowski, inutile nel finale la rete di Bartra. Alla Red Bull Arena, il Lipsia piega 2-1 l'Hannover e sale al secondo posto. Dopo il vantaggio iniziale di Jonathas, Poulsen e Werner ribaltano tutto, permettendo agli uomini di Hassenhuttl di volare a quota 22.   Succede tutto nella ripresa alla Red Bull Arena: contropiede perfetto dell'Hannover, con Bebou che serve Jonathas in area. L'ex Pescara deve solo controllare e beffare Gulacsi, portando in vantaggio i suoi al 56'. Dopo 15 minuti, però, arriva il pareggio del Lipsia: Werner, lanciato in profondità, entra in area dalla destra e serve Poulsen che, solo in area, non può non firmare il pareggio a porta vuota. E' lo stesso attaccante di Hasenhuttl, poi, a siglare il sorpasso al minuto 85: sugli sviluppi di un corner, Forsberg rimette in mezzo una sfera su cui si fionda proprio il classe '96, che deposita in rete regalando il successo ai suoi. Una vittoria fondamentale che proietta il Lipsia al secondo posto a quota 22.   A quota 20, insieme agli uomini di Bosz, ora c'è anche lo Schalke. Dopo un primo tempo mantenuto sullo 0-0 solo dalle traverse, che negano una volta il gol agli ospiti e due volte al Friburgo, ci pensa Caligiuri, con un destro dal limite deviato, a mettere fuori causa Schwolow e regalare l'1-0 e tre punti fondamentali al club di Gelsenkirchen. Finisce 1-1, invece, tra Augusta e Leverkusen: succede tutto in 3 minuti, con il vantaggio delle aspirine firmato da Volland ed immediatamente pareggiato da Danso, con le due squadre ancora appaiate a quota 16. Con lo stesso risultato, il Monchengladbach si fa fermare dal Magonza. Ospiti avanti al 19' con il colpo di testa da corner di Diallo, ma il Borussia pareggia con Vestergaard, salendo a 18 punti. Successo fondamentale, invece, per l'Amburgo: lo Stoccarda, in 10 dal 12' per il doppio giallo a Burnic, resiste sull'1-1 fino al 65', quando Kostic e il classe 2000 Arp firmano una vittoria preziosissima per i padroni di casa, che si staccano dalla zona retrocessione salendo a quota 10 insieme al Wolfsburg, a +2 sul terzultimo posto.   Gli occhi di tutti gli appassionati di Bundesliga, però, erano rivolti al Signal Iduna Park per il Klassiker: Borussia Dortmund-Bayern Monaco, sfida che mette di fronte le prime della classe. I bavaresi, dopo l'avvicendamento in panchina e l'arrivo di Heynckes, hanno decisamente cambiato passo ed anche nel fortino giallonero, mettono subito in chiaro le proprie intenzioni. Al 17', il Bayern passa subito in vantaggio con la rete di Robben che spezza l'impasse: Thiago mette in mezzo per Rodriguez che stoppa e scarica per l'olandese, infallibile con il sinistro a giro dalla sua mattonella. 1-0 Bayern nel Klassiker. Il ritmo cresce con lo scorrere dei minuti ed il Borussia sfiora il pareggio con Yarmolenko, che si divora un gol già fatto a tu per tu con Ulreich. Al 37' i campioni di Germania raddoppiano con il solito, infallibile Lewandowski: il polacco riceve da Kimmich e, di tacco, sorprende Burki anche grazie alla deviazione di Weigl. 2-0 Bayern all'intervallo.   Ad inizio ripresa sono ancora gli ospiti a partire con il piglio giusto e solo il grande intervento di Burki impedisce a Lewandowski di chiudere i conti al 49'. La replica del Borussia è affidata ai piedi di Aubameyang ma la conclusione sporca dell'attaccante scuola Milan non impensierisce Ulreich. Al 67' Lewandowski la chiude: Alaba mette in mezzo per il polacco che, in spaccata, anticipa il difensore, battendo per la terza volta il portiere Burki. Ferito nell'orgoglio il Dortmund si getta a capofitto in attacco e al 73' avrebbe l'occasione di accorciare ancora con Aubameyang, che trova la risposta di Ulreich. Heynckes perde per infortunio Alaba e Javi Martinez ma il Bayern riesce ad amministrare il proprio vantaggio senza affanno fino all'88' quando i padroni di casa trovano il gol della bandiera con la magia di Bartra. Il destro a giro dello spagnolo sorprende Ulreich e scrive la parola fine su di un classico mai in discussione e dominato dal Bayern. I bavaresi allungano in classifica sul Dortmund, ora lontano 6 lunghezze, e restano al primo posto a +4 sul Lipsia.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti