ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRistorazione veloce

Burger King: in quattro anni previste cento nuove aperture

Durante la pandemia investiti 40 milioni. Il general manager Lazzaroni: «Puntiamo su innovazione, sostenibilità e differenziazione dell’offerta con carne vegetale e prodotti made in Italy»

di Emiliano Sgambato

Burger King prevede 100 aperture in 4 anni

3' di lettura

Nuove aperture, differenziazione dell’offerta, made in Italy, sostenibilità e tecnologia. Sono le direttrici degli investimenti di Burger King in Italia che hanno permesso di riprendere la crescita dopo la pausa forzata della pandemia.

«Da maggio i risultati positivi rispetto al 2019 sono stati costanti mese dopo mese – dice Alessandro Lazzaroni, general manager di Burger King Italia – e nell’ultimo trimestre la crescita è stata di oltre il 5%. È un dato importante se si tiene conto che ci sono ancora restrizioni anti-Covid ed è diminuito il fatturato legato alla vita notturna che per noi è sempre stato importante». Si tratta di un trend a parità di perimetro, senza considerare quindi i 14 nuovi ristoranti inaugurati da giugno a dicembre, gli ultimi a Novara e Ferrara. E per il futuro – al netto di eventuali nuove restrizioni e dell’impatto della variante Omicron – la previsione è quella di consolidare e migliorare la crescita.

Loading...

«Durante la pandemia – continua Lazzaroni – non ci si siamo comunque fermati, investendo 40 milioni. Per il 2022 sono previste 30 aperture, le prime in Lombardia, Emilia Romagna e Lazio. Nei prossimi quattro anni stimiamo realisticamente il via ad almeno cento nuove strutture che creeranno duemila posti di lavoro».

Attualmente i dipendenti dei 232 ristoranti sono circa 4.500, l’80% dei contratti è a tempo indeterminato, il 44% sono donne e l’età media è di 26 anni. Anche il delivery si sta consolidando: era poco significativo fino al 2018, è esploso nel 2020 e ora pesa poco meno del 15% del totale, con il record di vendite raggiunto proprio negli ultimi due mesi.

Per sostenere l’espansione, Burger King punta su rinnovamento dell’offerta e innovazione tecnologica . «Abbiamo lanciato nuove categorie di prodotti come l’Italian Kings, cioè panini fatti con le eccellenze italiane, dal Pecorino Dop alla nduja – spiega Lazzaroni – o la linea plant based: dopo essere stati i primi a introdurre in menu la carne vegetale, abbiamo consolidato e arricchito la gamma e continueremo a farlo. È una scelta che vuole offrire un’alternativa a chi è già cliente e che magari ora è orientato a scelte più flexitariane (maggior consumo di proteine vegetali, senza abbandona la carne, ndr) e attrarne di nuovi. Con un impatto importante sulla sostenibilità. Siamo molto soddisfatti dei risultati: per ora è una nicchia, ma nel 2021 la quota è cresciuta di oltre il 30%».

Del resto anche il pollo 10 anni fa era una quota poco significativa per i fast food, mentre ora vale tra il 20 e il 30%. E a proposito di carne bianca è di ottobre l’accordo con Fileni. «Un produttore già carbon neutral – sottolinea Lazzaroni–. Anche qui è importante la sostenibilità: dal 2019 abbiamo eliminato la plastica, entro il 2030 puntiamo a dimezzare le emissioni ed entro il 2050 ad eliminarle».

Da quest’autunno i cibi serviti non contengono più conservanti, coloranti e aromi di origine artificiale. E risale a novembre l’accordo per la realizzazione di due dessert in collaborazione con Rigoni di Asiago. Più in generale proviene dall’Italia l’80% delle forniture complessive, compresa la carne per gli hamburger.

«Abbiamo anche investito molto in tecnologia – conclude Lazzaroni – accelerando l’installazione dei self board kiosk e implementando una nuova piattaforma Crm (custom relationship management, sistema di gestione della relazione con i clienti, ndr) che ci permette di rendere l’esperienza di consumo sempre più semplice e immediata. A dicembre abbiamo lanciato la nuova release della app che dal 2020 permette di effettuare direttamente gli ordini».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti