Fast food

Burger King: stop a conservanti e coloranti. McDonald’s: servizio più rapido

Le strategie dei due big puntano su una maggiore soddisfazione del cliente

di E.Sg.

(Jag_cz - stock.adobe.com)

2' di lettura

In tutto il menu di Burger King «non sono e non saranno più presenti cibi contenenti conservanti, coloranti e aromi di origine artificiale, incluso i dessert. Burger King «è la prima grande azienda della ristorazione veloce in Italia a fare questa scelta, voluta per migliorare ulteriormente i propri prodotti e renderli ancora più genuini».

Lo comunica la società che afferma come si tratti di una scelta di continuità «in linea, ad esempio, con il percorso di selezione di materie prime di qualità e fortemente legate al territorio italiano come il Parmigiano Reggiano Dop, il Grana Padano Dop, lo Speck Igp e la ‘Nduja».

Loading...

«Siamo orgogliosi di essere il primo grande player della ristorazione veloce internazionale a compiere questo passo, che in realtà rappresenta per noi quasi un naturale sviluppo del percorso già intrapreso in termini di innovazione e sostenibilità – dichiarato Alessandro Lazzaroni, general manager di Burger King Restaurants Italia –. Il nostro successo nel mercato italiano si basa sulla continua offerta di prodotti gustosi, accessibili e genuini; per continuare a garantire questi altissimi standard abbiamo ritenuto fondamentale rimuovere tutte le componenti artificiali dai nostri menu e garantire ai clienti italiani il cibo di alta qualità che la storia culinaria iconica del paese richiede».

Nello stesso giorno lo storico rivale McDonald’s annuncia il “Best Burger”, «l'innovativo modo per preparare i panini che li rende ancora più gustosi e irresistibili» grazie a un nuovo metodo di lavorazione che, a partire dal Big Mac accorcerà del 30% i tempi di attesa dell’ordine da parte del cliente.

«Siamo sempre in cerca di modi per offrire la best experience ai nostri clienti – afferma Dario Baroni, ad di McDonald's Italia – e Best Burger rappresenta oggi per noi un importante risultato. Frutto di lunghi studi e ricerche, per l'implementazione di Best Burger abbiamo investito oltre 70mila ore di formazione per i nostri dipendenti, è un vero e proprio punto di svolta che ci riempie di orgoglio e segna una nuova frontiera del gusto, tutta da provare».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti