AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùLA «NUOVA» PRIORITÀ

Burocrazia, tutti contro. Ma basterà?

Il Governo Conte starebbe già lavorando per un decreto a maggio dedicato alla Rinascita prevedendo anche una sorta di “semestre bianco” straordinario anti-burocrazia e attivando percorsi senza ostacoli per attivare investimenti pubblici e privati

di Guido Gentili

default onloading pic
Tra le ipotesi allo studio del governo Conte una sorta di “semestre bianco” straordinario anti-burocrazia (foto Ansa)

Il Governo Conte starebbe già lavorando per un decreto a maggio dedicato alla Rinascita prevedendo anche una sorta di “semestre bianco” straordinario anti-burocrazia e attivando percorsi senza ostacoli per attivare investimenti pubblici e privati


3' di lettura

Che sia coronavirus, dopo averci inflitto decine di migliaia di lutti e uno stop economico senza precedenti, a strapparci dall’asfissia burocratica? Tutto farebbe pensare che sì, siamo sulla strada giusta. La politica è mobilitata, da sinistra a destra senza distinzioni. Dobbiamo ripartire in fretta e dobbiamo scrollarci di dosso tutto ciò che ostacola la svolta per la crescita. La burocrazia è sul banco degli imputati, anzi pare già con la testa sul patibolo, pronta ad essere tagliata.

Il Governo Conte starebbe già lavorando per un decreto a maggio dedicato alla Rinascita (ma occhio al lessico, perché il nome non porta bene e ricorda il piano Rinascita della P2 nel 1976) prevedendo anche una sorta di “semestre bianco” straordinario anti-burocrazia e attivando percorsi senza ostacoli per attivare investimenti pubblici e privati.

Nella maggioranza di governo, se un punto di convergenza assoluta c’è, questo riguarda proprio la lotta contro la burocrazia. Lo stesso dicasi dell’opposizione, unita anch’essa sull’obiettivo. Libertà d’impresa e lotta alla burocrazia sono slogan ormai ricorrenti. Tutti sembrano insomma aver digerito e assimilato i rapporti “Doing business” della Banca Mondiale che vedono da molti anni l’Italia mal classificata su questo terreno. Rapporti fin qui sopportati a fatica e dimenticati il giorno dopo la loro pubblicazione.

Quanto durerà questo stato di grazia è impossibile a dirsi, anche perché la richiesta, in emergenza, di più Stato nell’economia a buoni fini anticrisi facilmente può slittare sulla corsia dello Stato imprenditore (con una storia di insuccessi sulle spalle dei contribuenti, vedi il caso Alitalia) che detta le regole alle imprese su dove e come investire e progetta nazionalizzazioni. Il che vorrebbe dire l’opposto di quello che si promette.

E poi, occorre sempre ricordarsi che la guerra contro la burocrazia, dai tempi di Cavour fino ad oggi, è stata più una storia di battaglie perse piuttosto che vinte. Diceva Matteo Renzi nell’aprile 2014, nei panni del Rottamatore e alla vigilia del suo exploit politico col Pd alle elezioni europee: «contro la burocrazia serve una lotta violenta, ed uso il termine violento perché non abbiamo alternative». A seguire c’è il piano Madia contro i “lacci e lacciuoli” (formula coniata da Guido Carli molti anni prima) amministrativi e burocratici. Nel 2017 tocca a Stefano Buffagni (Mov5Stelle), poi sottosegretario a Palazzo Chigi un anno dopo col governo Conte1, denunciare a Milano i ritardi della burocrazia che gravano sui cittadini, partendo dalla registrazione presso la Asl di suo figlio neonato: «Non servono nuove leggi ma buon senso». Prima, nel 1993 quando era al timone del ministero della Funzione pubblica col governo Ciampi, fu Sabino Cassese a dare una scossa resettando la bussola generale con l’idea dell’amministrazione «al servizio di cittadini e utenti». Fino ad allora, lo strumento dell’autocertificazione, introdotto nel 1968, era rimasto per esempio inapplicato.

Oggi il Pd di Nicola Zingaretti sui terreni del fisco e della burocrazia propone a favore delle imprese i nuovi sportelli unici “one stop shop”. Ecco, lo sportello unico per le attività produttive era nato nel 1998, ma per avere il regolamento governativo di attuazione si è dovuto attendere il 2010. Lo stesso anno del famoso falò delle leggi appiccato dall’allora ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli (Lega) col governo Berlusconi. Vengono tagliati 405 mila tra provvedimenti normativi e non normativi.

Ma la fabbrica delle leggi, negli anni successivi, riprenderà a correre. Dice oggi il leader della Fim Cisl Marco Bentivogli nel suo Manifesto per ripartire: «abbiamo visto che la burocrazia in questi mesi ha prodotto morti, ritardi, danni irreparabili. I “signori del tempo perso” si nutrono di iper-regolamentazione, di proliferazione di adempimenti formali. Vedremo se i proclami di molti politici contro la burocrazia resteranno tali (Il Foglio, 2 maggio)». Già, questo è il punto. Ed il finale non è scontato.

Per approfondire:
Decreto maggio, dallo stop ai licenziamenti al reddito d'emergenza fino a 800 euro al mese: ecco le novità
Cittadini o sudditi nella fase 2? Cosa siamo se lo Stato non si fida di noi

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti