ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrasporti

Bus turistici: 50 milioni per il ristoro delle rate di leasing

La misura è contenuta in uno dei decreti firmati dal ministro Giovannini

di Marco Morino

(Andrey Armyagov - stock.adobe.com)

2' di lettura

Ci sono anche i contributi per sostenere le imprese di trasporto passeggeri su gomma che hanno investito per rinnovare il parco veicoli nell’ambito dei decreti - tre in tutto - firmati dal ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini, per dare ossigeno ad alcune delle categorie particolarmente colpite dall'emergenza sanitaria. Un risultato importante, nell’ambito del quale il Comitato Bus Turistici Italiani ha giocato un ruolo fondamentale. Mettendo a frutto un notevole impegno che ha portato - nel concreto - alla variazione di una norma che, se non modificata rispetto all’originaria, avrebbe di fatto tagliato fuori dai ristori il settore.
Nello specifico, per il 2020, vengono destinati 50 milioni alle imprese di servizi di noleggio con conducente per il ristoro delle rate di finanziamento o dei leasing con scadenza compresa tra il 23 febbraio e il 31 dicembre 2020 per gli acquisti di veicoli delle stesse categorie effettuati a partire dal primo gennaio 2018. I contributi, fino a un massimo di 1,8 milioni per impresa, possono essere concessi a condizione che l'impresa non fosse già in difficoltà economica alla data del 31 dicembre 2019.

Dice Riccardo Verona, presidente del Comitato Bus Turistici Italiani: «Si tratta di un risultato estremamente importante per noi. Se non fossero arrivati questi soldi, per molte aziende si sarebbe ripresentato lo stress finanziario che da ormai da due anni assilla il settore. Siamo grati al governo, al quale ci siamo rivolti con numerose lettere e iniziative, per aver reso concreta questa importante misura, fortemente attesa dalle imprese del settore».

Loading...

A livello numerico, i bus nuovi (ovvero immatricolati a partire dal 2018) in servizio presso le oltre seimila aziende del settore in Italia sono poco meno del 20% su un totale di circa 25mila mezzi. In termini reali, circa 4mila autobus nuovi, per i quali le aziende italiane dovranno tornare a pagare le rate dei leasing.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti