AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùcemento

Buzzi Unicem ancora sugli scudi, analisti positivi su deal Kosmos

L'operazione annunciata ieri ha per Buzzi un valore di 166 milioni di dollari. Ma più che l'impatto finanziario, gli esperti apprezzano il rafforzamento della struttura finanziaria e la strategia. In più, il nuovo piano di investimenti infrastrutturali in Messico potrebbe favorire il gruppo

di Chiara Di Cristofaro

default onloading pic

2' di lettura

Gli analisti valutano positivamente l'operazione con cui la partecipata di Buzzi Unicem Kosmos Cement ha venduto asset per 665 mln di dollari e il titolo, dopo il +2,8% di ieri, mette a segno un altro netto rialzo. Inoltre, il governo messicano annuncia un piano di investimenti da 43 mld di dollari che, se confermato, sarebbe molto positivo per il gruppo. Nel dettaglio, Buzzi ieri ha annunciato che la partecipata al 25% Kosmos Cement ha raggiunto un accordo con Eagle Materials per la cessione della cementeria di Louisville (1,7 mln di tonnellate di capacità produttiva), di sette terminali di distribuzione e delle riserve di materie prime.

Per gli analisti l'operazione rafforza la struttura finanziaria
Il valore complessivo dell'operazione è di 665 mln di dollari, di cui la quota parte di Buzzi è 166 mln di dollari. Secondo quanto riportato da Eagle Materials, Kosmos Cement è attesa generare nel 2019 un fatturato di 170 mln di dollari e un ebitda di 56 mln (ebitda margin del 33%). «La partecipazione - spiegano gli analisti di Equita - contribuisce all`utile di Buzzi per circa 7 mln o 2% del net income delle stime 2020. La valorizzazione implica dunque un multiplo pagato di 12 volte il rapporto Enterprise value/Ebitda 2019». Il corrispettivo netto della cessione verrà distribuito a Buzzi e Cemex subito dopo il closing che è atteso nel corso del primo trimestre 2020. «Sebbene riteniamo che l`impatto del deal sia limitato - dice ancora Equita - valutiamo favorevolmente l`operazione che consente a Buzzi Unicem di cedere una partecipazione non-core rafforzando ulteriormente la struttura finanziaria del gruppo».

Nuovo piano di investimenti da 43 mld del governo messicano
Tra gli elementi a sostegno del titolo, c'è anche l'annuncio del governo messicano di un nuovo piano di investimenti infrastrutturali da 43 mld di dollari per il periodo 2020-2024 per sostenere la ripresa dell`economia attualmente in recessione. Il programma riguarda 147 progetti ad alta priorità e secondo le indicazioni del governo sarà in larga parte finanziato da privati. Per il 2020 il piano prevede 72 opere infrastrutturali per un valore complessivo di 22 mld di dollari. «Si tratta di un piano ambizioso - dice Equita - su cui ad oggi la visibilità rimane bassa in considerazione del fatto che la quota finanziata dalla stato è minimale ma se confermata sarebbe positiva per Buzzi Unicem di cui il Messico (consolidato ad equity) pesa circa il 15% dell`utile di gruppo delle stime 2019 e che è stato penalizzato con volumi in calo e prezzi in valuta locale in leggero calo dal blocco degli investimenti infrastrutturali voluto dal governo nel 2018/2019».

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...