AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùBorsa

Buzzi Unicem guida il settore costruzioni grazie a conti e piano Usa

La crescita dei ricavi e le previste ricadute degli investimenti americani sulla domanda di cemento sostengono il titolo

di Andrea Fontana

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - I conti trimestrali e il piano infrastrutturale Usa approvato dalla Camera sono alla base del forte rialzo di Buzzi Unicem in un settore costruzioni complessivamente positivo in Europa. Venerdì la società ha diffuso i dati sul fatturato dei primi nove mesi del 2021 sostenuti in particolare dal mercato americano: i ricavi sono aumentati del 5,6% a 2,541 miliardi di euro, mentre nel terzo trimestre l'incremento è stato del 5,1% a 933 milioni. Numeri sopra le attese che hanno consentito alla società di confermare la previsione di un margine operativo lordo ricorrente nel 2021 non superiore a quello dell'anno precedente, quindi intorno ai 780 milioni di euro, anche in presenza di un quarto trimestre impattato dall'attuale incremento dei prezzi per energia, logistica, materie prime, servizi e combustibili.

Ma l'attenzione degli investitori guarda anche al medio termine considerata l'esposizione di Buzzi negli Stati Uniti (il 38% del fatturato dei primi nove mesi viene dagli Usa) e il piano infrastrutturale varato dall'amministrazione Biden e approvato nei giorni scorsi dalla Camera Usa. Il programma quinquennale (973 miliardi di dollari, estendibili a 1,2 miliardi in 8 anni, con 579 miliardi di nuovi finanziamenti) con circa 109 miliardi di dollari di nuovi interventi su ponti e strade che fanno prevedere una domanda di cemento in accelerazione da qui al 2026. Per Equita Sim Buzzi, che in Usa ha generato nel 2020 il 57% dell'ebitda, sarà tra i beneficiari del piano i cui impatti inizieranno a essere visibili dal 2023.

Loading...

Tra gli altri gruppi quotati delle costruzioni esposti negli Usa, effetti positivi sono attesi anche per Cementir e Webuild. Quest'ultima nel week end ha inoltre comunicato che la Corte Suprema di Cassazione ha dichiarato inammissibili le ragioni dei quattro ricorsi straordinari proposti, nel corso del 2020, da alcuni obbligazionisti Astaldi avverso il provvedimento di omologa del concordato del gruppo romano.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti