Test drive

C5 X: alla guida dell’audace ammiraglia di casa Citroën

Stile originale e tecnologica. C5 X, la nuova vettura top di gamma di casa Citroën è ricca di soluzioni hi tech e mantiene un alto livello di comfort di bordo

di Giulia Paganoni

4' di lettura

Design audace e il meglio delle tecnologie attuali. Citroën rinnova la sua gamma posizionato al top la nuova ammiraglia C5 X, un veicolo che riprende la tradizione dei modelli del segmento D, quello delle berline di grossa taglia, (ormai poco battuto dai marchi) ma con qualche novità “audace” nello stile del Double Chevron. La gamma motori prevede soluzioni a benzina e un ibrido plug-in. 

Citroën C5 X, tutte le foto

Citroën C5 X, tutte le foto

Photogallery19 foto

Visualizza

Dimensioni e stile 

A prima vista, la nuova ammiraglia Citroën colpisce per il suo stile particolare. Le linee sono un mix tra una berlina, una station wagon e un suv, il tutto con un tocco da coupé. Il risultato è molto audace e la marca francese appartenente al gruppo Stellantis l’ha voluto proporre al mercato sulla base dei dati raccolti dal pubblico. 

Loading...

La nuova firma luminosa a V a Led di Citroën, inaugurata con la nuova C4, rende l’auto immediatamente riconoscibile come appartenente al marchio. 

Le dimensioni sono generose: lunga 4.805 mm, larga 1.865 mm e con un passo di 2.785 mm. La capacità del bagagliaio è davvero notevole: 545 litri che possono raggiungere i 1.640 litri abbassando gli schienali dei sedili posteriori. 

La presenza su strada è enfatizzata dai cerchi in lega da 19 pollici, disponibili in due disegni. Sono tre gli allestimenti (Feel Pack, Shine e Shine Pack) e le personalizzazioni prevedono sei tinte della carrozzeria, tutte metallizzate o perlate. Queste possono essere abbinate al tetto a contrasto in tinta Nero Black che accentua l’aspetto elegante del veicolo.

Com’è dentro 

Negli interni il comfort regna sovrano. Le sedute sono ampie e comode e dispongono della funzione riscaldabile e sono regolabili elettricamente (nella versione Shine Pack). Sono quattro i diversi ambienti tra cui è possibile scegliere per personalizzare l’abitacolo. Sono numerosi i vani portaoggetti e lo spazio non manca davvero. Sia i passeggeri anteriori che posteriori possono contare su un’apertura delle porte importante così da agevolare la salita e la discesa. 

Il conducente può contare su diverse tecnologie: dall’head up display colori e con possibilità di personalizzazione al cruscotto digitale da 7 pollici fino all’ampio touchscreen al centro della plancia da 10 pollici (da 12 dalla versione Shine). 

Non convince del tutto il volante, con numerosi (forse troppi) tasti sulle razze di destra e sinistra e con la terza razza in basso piena e in plastica. 

Sistemi di sicurezza top 

È lunga la lista dei sistemi di sicurezza in dotazione di Citroën C5 X che già nell’entry level (Feel Pack) comprende la frenata di emergenza con avvertimento collisione, il crash in braking, il sistema di mantenimento della corsia, il riconoscimento dei cartelli stradali, l’High team assist, il Driver attention alert con coffee break alert e il regolatore di velocità. 

Questi, nella versione Shine vengono ulteriormente arricchiti con l’attivi brake radar, l’high driver assist, il regolatore della velocità attivo con funzione stop and go, il sistema di sorveglianza dell’angolo morto a lunga portata e il real cross traffic alert. 

Il comfort delle sospensioni attive 

Come nel Dna del marchio francese, le sospensioni sono un elemento fondamentale per garantire il comfort di bordo. E, ancora una volta, non si smentisce. 

Le nuove sospensioni attive Advanced Comport filtrano le imperfezioni del fondo stradale come ad esempio piccoli ostacoli, buche, cordoli, dossi e altre asperità, per offrire una guida fluida e dare l’impressione di viaggiare su un vero "tappeto volante". 

La versione ibrida plug-in di C5 X fa un passo avanti nel comfort con le sospensioni Attive Citroën Advanced Comfort che offrono un controllo attivo e continuo delle sospensioni. Grazie ai sensori che analizzano le condizioni della strada e a un sistema di controllo che regola la rigidità delle sospensioni di ogni ruota, il sistema di controllo attivo delle sospensioni amplifica l’efficacia degli Smorzatori Idraulici Progressivi con una maggiore escursione delle sospensioni durante le fasi di guida per garantire l’effetto di sorvolare la strada, riducendo al contempo il rollio e assicurando stabilità in caso di forti sollecitazioni. Questa tecnologia offre una guida fluida e garantisce comfort a bordo. 

Gamma motori: arriva il Phev 

La gamma motori comprende il PureTech da 1.2 da 130 cavalli e l’1.6 litri da 180 cv. Mentre la versione più potente è l’ibrido Plug-in che abbina sempre lo stesso benzina PureTech 1.6 litri ad un elettromotore 81.2 kW alimentato da una batteria agli ioni di litio da 12.4 kWh che permette di percorrere fino a circa 53 km in modalità 100% elettrica.  

Tutte le motorizzazioni sono abbinate al cambio automatico Eat8 ed hanno la trazione anteriore. 

La versione ibrida alla spina 

Vale la pena soffermarsi sulla versione Plug-in hybrid da 225 cv per conoscerne meglio le caratteristiche. 

Questa monta un motore benzina abbinato ad un elettromotore alimentato da una batteria agli ioni di litio. Per la ricarica, è in dotazione un On Board Charger da 3,7 kW che permette di ricaricare da 0 al 100% in 7 ore. Mentre in opzione è disponibile un caricatore da 7,4 kW che accelera il processo di ricarica contraendo la tempistica a circa 2 ore. 

In questa versione sono quattro le modalità di guida: sport, hybrid, comfort ed eco. 

La velocità massima raggiungibile in modalità 100% elettrica è di 135 km/h mentre con l’aiuto del motore termico si arriva a 233 km/h. Prestazioni interessanti dato il peso di 1.797 kg. 

La potenza di sistema è di 225 cv e 320 Nm di coppia. 

Com’è da guidare 

Abbiamo provato la versione benzina PureTech da 180 cv e l’ibrido ricaricabile da 225 cv. 

In entrambi i casi abbiamo trovato un’auto piacevole da guidare e confortevole. I sistemi di assistenza alla guida sono piuttosto invasivi ed è piuttosto macchinoso riuscire ad attivare il cruise control, in quanto ci sono menu e sottomenu a cui dover accedere. 

La versione solo a motore termico cambia davvero carattere nelle tre modalità di guida: eco, comfort e sport. Dalla più ecologica alla più pepata si nota un cambiamento nell’erogazione della potenza, come anche nello sterzo che diventa via via più diretto e anche nel rollio che, grazie al lavoro delle sospensioni attive limitato. 

Nella versione Phev si sente che l’auto è un po' più pesante e tende ad aumentare il rollio che comunque con le sospensioni attive viene mitigato. 

Il prezzo di listino parte da circa 33mila euro per la versione da 130 cv, da circa 38mila euro per la 180 cv e da circa 45mila euro per la versione Phev. Il top di gamma, l’ibrido in allestimento Shine Pack, ha una prezzo di poco più di 48mila euro. 

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti