ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTragedia sfiorata

Cagliari, crolla l’aula magna dell’Università. La procura apre inchiesta

La palazzina a due piani che ospitava l'aula magna di lingue dell'università di Cagliari è crollata in un attimo

di Davide Madeddu

Aggiornato il 19 ottobre alle 18:56

Cagliari, crolla palazzina Aula Magna Università

3' di lettura

Una tragedia sfiorata. La palazzina a due piani che ospitava l'aula magna di lingue dell'università di Cagliari è crollata in un attimo. Prima il boato e poi il polverone. Gli addetti alla sicurezza impegnati nella vigilanza del polo dell'ateneo hanno subito chiesto l'intervento dei vigili del fuoco. A puntare i fari sul crollo anche la procura della repubblica di Cagliari che ha disposto il sequestro dell’area e aperto un’inchiesta per crollo colposo. Sarà compito dei vigili del fuoco assieme al personale dell’Asl effettuare i rilievi nell’area e le verifiche nelle strutture adiacenti.

L'ultimo giro

Alle 20 l'ultimo giro di controllo nella struttura, per verificare che nessuno fosse rimasto all'interno e la chiusura dei portoni. Poi un'ora e quarantacinque minuti più tardi il boato e il polverone. Il collasso della struttura situata a poca distanza dall'asilo nido inaugurato qualche anno fa e dal gabbiotto in cui è presente il personale della vigilanza che ha chiesto l'intervento dei vigili del fuoco. 

Loading...

Restano le colonne

L'edificio è collassato su sé stesso e sono rimaste in piedi solo la parte inferiore della facciata e le colonne portanti che tenevano la struttura attaccata ad un'altra costruzione a forma di C dove è stato realizzato anche l'asilo della Facoltà. 

L'intervento dei vigili del fuoco

Per diverse ore i vigili del fuoco di Cagliari, con le squadre Usar, urban search and rescue hanno perlustrato l'area, anche con l'ausilio delle fotocellule per cercare eventuali dispersi sotto le macerie. Controlli anche con l'ausilio dei droni e l'aiuto dei cani. 

Nessun ferito

Solo a tarda notte la conferma che porta sollievo: la struttura era vuota e sotto le macerie nessun ferito. E quindi la messa in sicurezza dell'ara per i rilievi. Perché per tutta la durata delle ricerche la paura era che qualcuno fosse rimasto all'interno dell'edificio. Con la fine delle ricerche e la messa in sicurezza dell'area partiranno le attività per cercare di individuare le cause. 

Fulmine a ciel sereno

Un evento inaspettato, "un fulmine a ciel sereno" come sottolineato  dal rettore Francesco Mola parlando con i cronisti subito dopo il crollo. «Non c'è stato nessun segnale che si potesse verificare quanto accaduto. Gli edifici delle nostre Facoltà vengono ispezionati regolarmente».  La palazzina, che non ha subito di recente alcun intervento, si trova accanto a un altro edificio a forma di C che ospita altre aule e l'asilo della Facoltà. 

Le reazioni

«Bisogna capire le cause prima di arrivare ad ogni ipotetica conclusione - ha detto il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu - facciamo tanti controlli sugli edifici e nonostante questo non sono mai sufficienti: oggi dobbiamo ringraziare che questo crollo è avvenuto a tarda sera quando le lezioni erano già concluse». 

Dalle 10.30 la mobilitazione davanti al rettorato prima di un sopralluogo nell’area interessata dal crollo. «Quello che e accaduto ha lasciato tutti noi studenti con un profondo senso di rabbia di paura - ha detto Federico Sias, rappresentante degli studenti -. Sino a poche ore prima era stata utilizzata. Come rappresenti abbiamo sempre battuto sull’importanza dell’edilizia scolastica molte volte lasciata in secondo piano. In questo momento chiediamo che vengano fatti controlli su tutte le strutture universitarie». Dello stesso avviso anche Davide Piacenza, altro rappresentante degli studenti che ha sottolineato: «chiediamo di sapere in che stato versano gli edifici universitari. Quali garanzie ci sono per la sicurezza di studentesse e studenti».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti