Agrolimentare

Calabria, per l’olio extra vergine produzione in calo del 40%

La regione nel 2019 era seconda in Italia ma nel 2020 perde una posizione e diventa terza: il comparto (il 50% dedicato a coltivazione biologica) fattura in media 600 milioni

di Donata Marrazzo

Si sviluppano su 189mila ettari, pari al 24% della superficie agricola della regione, con 84 mila aziende e 25 milioni di piante di numerose varietà

3' di lettura

L’olio extravergine d’oliva prodotto in Calabria non è solo un’eccellenza del territorio, con le sue varie denominazioni e l’indicazione di origine protetta. È un cardine dell’economia locale: l’olivicoltura si sviluppa sul 24% della superficie agricola della regione, con oltre 84mila aziende, una superficie coltivata di oltre 189mila ettari, 25 milioni di piante e moltissime varietà di olive. Un tesoro di biodiversità –– di cui quasi il 50% biologico, «per una filiera che coinvolge 692 frantoi, il 15% del totale italiano, che sul mercato vale circa 600 milioni con un forte impiego di manodopera», spiega Coldiretti.

Cultivar da Igp
Fra le cultivar più diffuse, cui è riservata l’Igp, la Roggianella, la Grossa di Gerace, l’Ottobratica, la Sinopolese, la Tondina, la Grossa di Cassano, la Dolce di Rossano. Come riporta il disciplinare, «i processi di trasformazione consentiti per la produzione dell’olio extravergine d’oliva sono esclusivamente di tipo meccanico, realizzati in impianti con sistema di estrazione in continuo, dove non si registra alcun trattamento diverso dal lavaggio, dalla decantazione, dalla centrifugazione e dalla filtrazione. La temperatura massima di lavorazione consentita in frantoio è di 30° ».

Loading...

Oltre alla qualità del prodotto, è la sua quantità, dunque, che porta la regione nei primi posti delle classifiche: la Calabria, nel 2019, si è posizionata (ma era avvenuto anche in anni precedenti) al secondo posto in Italia (dopo la Puglia) con circa 53mila tonnellate di olio extravergine, rispetto alle 365mila del totale nazionale (dati Agea). Nel 2020 è andata diversamente.

Produzione in calo del 40%
«La produzione registra una diminuzione di oltre il 40% causata principalmente dalle anomalie climatiche – spiega Salvatore Oliva presidente dell’Associazione Olivicola Assoproli, promossa da Coldiretti – Per quanto riguarda la qualità, invece, l’olio ottenuto è ottimo, fruttato e fragrante. La pioggia e il vento forte, nella sibaritide e nel crotonese, hanno provocato una cascola di olive che ha inciso negativamente sulla quantità». Così la Calabria scende in classifica e per quest’annata risulta terza produttrice di olio in Italia, dopo Puglia e Sicilia.

Si è verificato un calo del 40, 45% sulla fascia jonica con punte del 50% nel lametino. Nelle zone interne del cosentino un 30% in meno, mentre nell’area del Tirreno reggino i volumi sono in linea con le migliori annate. I tecnici dell’Assoproli stimano la produzione della campagna 2020-21 intorno alle 25-30mila tonnellate.

«A oggi la Calabria è indenne da Xylella fastidiosa – aggiungono gli esperti – ma occorre non sottovalutare nulla e monitorare costantemente la situazione mettendo in atto le buone pratiche agronomiche e la prevenzione».

Comparto escluso da aiuti del Psr
Anche il Covid ci ha messo il carico, rallentando la produzione e la vendita dell’extravergine. Quello olivicolo non risulta fra i comparti sostenuti con gli oltre 15 milioni previsti dalla Misura 21 del Psr, (a favore invece dei settori florovivaistico, lattiero-caseario e vitivinicolo). Sta pesando sul comparto, poi, la chiusura dei ristoranti che rappresentano un importante mercato di sbocco, anche a livello internazionale.

«Il nostro impegno è di potenziare e migliorare la filiera – afferma Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria – A incidere negativamente è stato fra l’altro il crollo dei prezzi pagati ai produttori, scesi a valori minimi. Un trend causato dalla presenza sul mercato mondiale di scorte di olio vecchio spagnolo, spesso spacciato per italiano, nonostante sia obbligatorio indicare l’origine in etichetta dal primo luglio 2009, in base al Regolamento comunitario 182».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti