AL VOTO IN AUTUNNO

Calabria, primarie per legge a spese della Regione: ma cinque anni fa nessun partito si presentò

Le primarie istituzionali, in Calabria, sono finanziate dalla Regione e vi possono accedere partiti e movimenti di qualsiasi schieramento per favorire la partecipazione al processo di selezione dei candidati alla Presidenza della Giunta regionale. Stimato un costo di oltre un milione di euro

di Andrea Gagliardi


default onloading pic
Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria

2' di lettura

Il presidente della Giunta Regionale della Calabria Mario Oliverio, ha firmato ieri il decreto per la convocazione delle elezioni primarie per la data del 20 ottobre 2019. Le primarie istituzionali, in Calabria, sono finanziate dalla Regione e vi possono accedere partiti e movimenti di qualsiasi schieramento. Anche cinque anni fa furono indette ma nessun
partito ne fece uso.

Le primarie sono state però criticate dal commissario regionale dem Stefano Graziano. «Siamo di fronte all'ennesima forzatura del presidente uscente, che rischia di far pagare ai calabresi la sua ostinazione». «Si stima, infatti - ha proseguito Graziano - che in caso di svolgimento le primarie istituzionali costeranno oltre un milione di euro». Di qui l’appello: «Non ci sono le condizioni per il ricorso alle primarie. Serve lealtà e responsabilità e non una conta che rischia soltanto di aumentare le spaccature esistenti all'interno del partito».

LEGGI ANCHE / Regionali, possibili accordi Pd-M5s: tra desistenze e candidati civici

«Si tratta - è scritto però in una nota dell'ufficio stampa della Giunta regionale - di un atto dovuto secondo le prescrizioni dell'art.5 della Legge Regionale n. 25 del 17 agosto 2009. Il mancato adempimento avrebbe potuto configurare una evidente omissione attuativa». La legge intende
promuovere e favorire la partecipazione dei cittadini al processo di selezione dei candidati alla Presidenza della Giunta regionale. «Dalla data di pubblicazione del presente provvedimento sul Burc - conclude la nota - decorre il termine di 15 giorni previsti per la presentazione delle liste di candidati corredate dalla necessaria documentazione».

LEGGI ANCHE / Le ombre di Renzi e Di Maio sul governo Conte bis

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...