Sport

Calcio estero: Iniesta approda al Vissel Kobe, Torres e Rooney vicini alla MLS

a cura di Datasport

2' di lettura

Andres Iniesta in Giappone, Fernando Torres e Wayne Rooney negli USA: qualche anno fa trasferimenti di questo tipo erano inimmaginabili e sull'orlo della fantascienza, ma il calcio moderno ci ha insegnato a non stupirci più di nulla, soprattutto se si parla di giocatori al termine della carriera. La strada nipponica è stata aperta nei mesi scorsi da Lukas Podolski, ingaggiato dal Vissel Kobe con uno stipendio vicino ai 6mln annui, e verrà seguita nelle prossime ore anche da Don Andres: l'Illusionista, che ha lasciato il Barcellona con l'ultima, commovente, gara al Camp Nou, nonostante le lusinghe del Manchester City ha scelto di chiudere anche con l'Europa e approdare in Asia. La pista cinese era sfumata per lo stop governativo alla folle offerta del Chongqing Lifan (35mln annui più l'acquisto di 7mila bottiglie del vino di Iniesta), e così si è aperta quella legata allo stesso Vissel Kobe: il club di proprietà di Rakuten, ricchissimo sponsor del Barcellona, ha offerto a Iniesta circa 25mln a stagione e l'ha convinto a unirsi alla J-League. Il centrocampista spagnolo sarebbe già in viaggio per il Sol Levante e pronto ad avviare questa nuova avventura: la tv di stato giapponese ha confermato la firma col Kobe.   Dovrebbero recarsi negli States, invece, Fernando Torres e Wayne Rooney. L'ex Manchester United è reduce da una brutta annata con l'Everton, e neppure l'addio di Sam Allardyce l'ha spinto a cancellare l'idea della pensione dorata negli USA: Rooney si è accorto di non avere più i ritmi adatti per la Premier League, e avrebbe già raggiunto l'accordo col DC United, club che da qualche giorno non è più di proprietà di Erick Thohir. Un accordo ''bagnato'' da 17mln di dollari di buoni motivi e dalla fiducia totale del club di Washington nelle doti di Rooney, che potrebbe rilanciarsi in MLS a 32 anni. Discorso diverso per Fernando Torres, libero a zero dopo la chiusura della storia d'amore con l'Atletico Madrid e la vittoria dell'Europa League (unico trofeo internazionale coi colchoneros): l'attaccante iberico, ex Liverpool, a 34 anni vuole una nuova sfida e starebbe per chiudere coi Chicago Fire. Si ritroverebbe in squadra con Bastian Schweinsteiger, e sarebbe chiamato a riportare in alto una squadra che veleggia da qualche anno nella middle class dell'MLS: il trasferimento è stato reso possibile dalla presenza sulla panchina di Chicago di Veljko Paunovic, ex giocatore dell'Atletico quando El Nino iniziava la sua avventura da prolifico attaccante.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti