NEL SUD DELLO STATO

California, il più forte terremoto da vent’anni: magnitudo 6.4. Potente scossa di assestamento

di Marco Valsania


Terremoto in California, la paura del “Big One”

2' di lettura

NEW YORK - La California trema. Non è stato il “Big One”, il terremoto che tutti da sempre temono e al quale tutti cercano di prepararsi nello stato sismico per eccellenza degli Stati Uniti. Ma le scosse, con epicentro a meno di 200 chilometri da Los Angeles, sono state le più gravi sofferte in vent'anni nella regione: hanno fatto registrare una magnitudo di 6,4 sulla scala Richter.

E sono state sentite nella California Meridionale, da Hollywood a Long Beach, e fuori dallo stato, fino a Las Vegas in Nevada.
Le autorità hanno riportato almeno una ventina di chiamate d'emergenza, da incendi a richieste di soccorso medico, in particolare nella cittadina più prossima all'evento, quella di Ridgecrest dove è stato evacuato l'ospedale e sono stati riportati danni a strade ed edifici.

GUARDA IL VIDEO - Terremoto in California, la paura del “Big One”

Nessuna vittima, né gravi danni sono stati finora riportati. L'intera zona, hanno tuttavia ammonito le autorità geologiche americane, rimane tuttavia ancora considerata a elevato rischio in queste ore, e nei prossimi giorni, di ulteriori pericolosi terremoti superiori a 5,5 di magnitudo - una prospettiva che tiene elevata tensione e paura. Già stamane all’alba la terra ha tremato, con una potente scossa di assestamento di 5,4 gradi della scala Richter.

Fortuna ha voluto, nel caso del sisma scattato verso le dieci di mattina ora locale del giorno dedicato alla Festa dell'Indipendenza del 4 Luglio, che l'epicentro sia stato a circa 100 miglia - 160 chilometri - a nordest della capitale del cinema e dei media americani. In aree desertiche del Mohave, la Searles Valley, nella contea di Kern. Fosse stato più vicino a grandi centri urbani e densamente popolati, stando ad alcuni esperti, il pericolo di un elevato numero di vittime e di distruzioni sarebbe stato significativo.

Oltre 50 sono state le scosse di assestamento nelle ore successive all'iniziale terremoto, da una magnitudo di oltre 3 ad una di oltre 4.
Residenti di Santa Monica, lungo la costa subito a nord di Los Angeles, raggiunti telefonicamente da Il Sole 24 Ore hanno confermato di aver sentito le scosse, ma con effetti limitati che li hanno colto all'inizio delle loro giornata festiva. Nel cuore di Los Angeles edifici e alcuni alberghi hanno oscillato affitti da lunghe date di tremori.

Crepe nella superficie stradale e in palazzi sono stati riportati in alcune zone afflitte dal sisma. Il più recente terremoto d maggior gravità a colpire la California del Sud era scattato nel 1999 e aveva misurato 7,1 di magnitudo, con epicentro nei pressi di una base militare dei marines. Il piu' grave sisma nella storia dello Stato fu quello che rase al suolo San Francisco nel 1906, facendo tremila vittime. Al centro dei rischi sismici, che oggi appaiono concentrati anzitutto nella California meridionale, è la faglia di Sant'Andrea, che si estende per 1.200 chilometri lungo la California.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...