ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPolitica

Ultime notizie. Mattarella: Ue bersaglio, ha il dovere di risposta unita. Meloni agli alleati: serve esecutivo di altissimo livello. Belloni: non farò il ministro

Inizia una settimana decisiva per l’insediamento del nuovo Parlamento dopo le elezioni del 25 settembre. Da oggi 10 ottobre i neo eletti possono recarsi alla Camera e al Senato per i primi adempimenti (tesserino parlamentare e altre pratiche) in vista della prima seduta che si terrà giovedì 13 ottobre. La leader di FdI e premier in pectore Giorgia Meloni incontra gli eletti del suo partito

Governo, Meloni punta a chiudere entro il 20 ottobre
  • Calenda: domani vado a registrarmi, è un grande onore

    «Sono senatore e con grande onore anche perché sono un grande appassionato della repubblica romana per cui questo è il massimo. Domattina alle 11 vado a fare le foto e la registrazione». Lo ha detto il leader di Azione Carlo Calenda parlando a ’Stasera Italia’ su Rete4

  • Pd, Letta incontra gruppi Camera e Senato, mercoledì alle 17 a Montecitori

    Enrico Letta vedrà i neo eletti della lista Partito Democratico-Italia Democratica e Progressista di Camera e Senato. L’assemblea congiunta è convocata mercoledì 12 ottobre alle ore 17 presso la sala Berlinguer a Montecitorio.

  • Meloni lascia la Camera

    La presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni ha lasciato gli uffici della Camera dove è rimasta a lavorare quasi tutto il giorno, dopo l’assemblea con i suoi parlamentari.

  • Belloni: non farò il ministro, faccio un altro lavoro

    «Pronta a fare il ministro? No, non farò il ministro». Così il direttore generale del Dis, Elisabetta Belloni, ha risposto ai giornalisti che l’hanno incrociata nei pressi della Camera. Perché non farà il ministro? «Perché faccio un altro lavoro», la replica di Belloni - come si vede in un video su Fattoquotidiano.it - che non ha risposto a chi le domandava se avesse avuto contatti con la leader di FdI, Giorgia Meloni. Negli ultimi giorni Belloni è stata inserita da più ricostruzioni fra i papabili per il ruolo di ministro degli Esteri. «Siete voi che li fate uscire i nomi», ha tagliato corto Belloni rivolgendosi ai cronisti

  • Dadone: in Cdm ok norma sblocca-mutui prima casa under 35

    “Oggi, nell’ultimo Consiglio dei Ministri di questo Governo, abbiamo approvato una norma che salvaguarda i tassi di interesse agevolati sui mutui accesi dai giovani tra i 18 e i 35 anni per l’acquisto della prima casa; in questo modo, i mutui dei giovani continueranno a beneficiare dei tassi agevolati, nonostante l’aumento dei tassi di interesse dell’ultimo semestre; la norma vale per tutte le domande di accensione di mutui, finalizzati all’acquisto della prima casa, che saranno presentate fino al 31 dicembre di quest’anno”. Lo scrive su Fb il ministro delle Politiche giovanili Fabiana Dadone

  • Fonti, Dpb a Bruxelles: scadenza rispettata per nuovo governo

    Il Documento programmatico di bilancio, approvato oggi dal consiglio dei ministri, secondo quanto si apprende è già stato trasmesso a Bruxelles. Il documento indica solo il quadro tendenziale già tracciato dalla Nadef e le spese indifferibili, che ammonterebbero a circa 2-3 miliardi. Manca la parte programmatica con la definizione della manovra, che verrà integrata dal nuovo governo. In questo modo il prossimo esecutivo può partire con una scadenza già rispettata, quella del 15 ottobre, data entro cui gli Stati membri sono infatti chiamati a inviare alla Commissione Europea e all’Eurogruppo il progetto di Dpb per l’anno successivo

  • Appello di Crosetto, serve salto maturità di tutta la politica

    «Due mesi fa pensavo che sarebbe accaduto quello che sta accadendo e che accadrà ancora di più nei prossimi mesi: Confindustria oggi dice che c’è un consumo del 20 per cento inferiore di energia ma non perché la gente ha spento la luce ma» diminuisce la produzione e «non bisogna essere dei geni per sapere cosa significano questi dati se uniti all’aumento dell’inflazione che conosciamo. La somma di queste cose interroga tutta la classe politica italiana sull’esigenza di come affrontare questi temi: avremo una piazza infiammabile su tutto perché chiunque vuole gettare un cerino» potrà farlo e «l’incendio anche se parte in distanza poi arriva anche vicino a casa tua. «Serve una prova dimaturità della politica italiana di fronte al peggiore momento che l’Italia abbia affrontato dal dopoguerra». Lo ha detto Guido Crosetto parlando alla presentazione del libro di Claudio Velardi ’Impressioni di settembre’.

  • Draghi: transizione ordinata, governi passano Italia resta

    «Tra qualche settimana, su questi banchi siederà il nuovo esecutivo, espressione del risultato delle elezioni che si sono appena tenute. Vi rinnovo l’invito ad agevolare una transizione ordinata, che permetta a chi verrà di mettersi al lavoro da subito. Lo dobbiamo alle istituzioni di cui abbiamo fatto parte, ma soprattutto lo dobbiamo ai cittadini. I governi passano, l’Italia resta». Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi ringraziando i ministri in Cdm per il lavoro svolto.

  • Pnrr: ok Cdm a ddl attuativo per anziani non autosufficienti


    Approvato oggi in Consiglio dei Ministri il Disegno di legge proposto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, che prevede politiche in favore delle persone anziane, anche in attuazione delle missioni 5 e 6 del PNRR in materia di assistenza agli anziani non autosufficienti. «Si tratta - spiega il Ministro Orlando - di una riforma che ho voluto inserire tra quelle qualificanti per il Pnrr con l’obiettivo di rendere adeguato il sistema di cura per la popolazione anziana. Una occasione di progresso civile per il nostro Paese ed una priorità per l’agenda politica».

  • Consiglio ministri: terminata la riunione

    E’ terminato a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri. La riunione del Cdm è durata circa mezz’ora.

  • Governo: al via Cdm a Palazzo Chigi

    E’ iniziata a Palazzo Chigi la riunione del consiglio dei ministri. Sul tavolo, oltre al Documento programmatico di bilancio, anche la legge delega per gli anziani non autosufficienti

  • Casini: manifestazioni pace distinguano tra carnefici e vittime

    «Qualcuno si ostina a dire che Putin è stato provocato e cerca di fornire nuove giustificazioni ad un atto di criminalità comune come quello di questa mattina che ha portato il terrore nelle città ucraine. Mi auguro che le preannunciate manifestazioni per la pace sappiano distinguere con chiarezza gli aggrediti e gli aggressori, i carnefici e le vittime. Ogni equidistanza sarebbe inaccettabile». Così Pier Ferdinando Casini su Facebook.


  • Morassut: Meloni scelga tra estrema destra ed Europa

    «La destra ha dimostrato la capacità di saper uscire dai suoi canoni e di intercettare l’onda mutante del voto populista, ma Giorgia Meloni gioca sul filo dell’ambiguità: da un lato vuole mantenere le caratteristiche identitarie dell’estrema destra sostenendo Vox e Orban, dall’altro aspira a trasformare Fratelli d’Italia in un partito conservatore europeo. Così il deputato del Partito Democratico, Roberto Morassut, intervistato da Radio Immagina. «Giuseppe Conte è un “populista moderato”, ha portato il M5S su posizioni meno anti-europeiste, ma è un errore pensare che sia di sinistra. Il Partito semocratico deve far partite una “costituente” che lo riagganci al suo elettorato di riferimento e a quel proletariato urbano che oggi è preda del populismo di turno. Condivido quanto ha detto il segretario Enrico Letta: se le destre falliranno non dovremo più fare l’ambulanza ma chiedere le elezioni anticipate».

  • Berlusconi: torno in Senato senza spirito rivalsa

    «Non ho alcuno spirito di rivalsa. So di avere subìto dei torti, ma mi hanno ampiamente risarcito gli italiani con l’affetto e il consenso che non hanno mai smesso di dimostrarmi. Il problema giustizia esiste ed è grave, ma non è una questione personale». Così Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, in una intervista a il Giornale, sul suo ritorno al Senato.

  • Governo, a odg Cdm delega per gli anziani e Dpb

    La legge delega per gli anziani non autosufficienti e il Documento programmatico di bilancio. Sono, secondo quanto si apprende, i due principali provvedimenti all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri, convocato per le 17 a Palazzo Chigi. Sul Dpb dovrebbe tenersi un’informativa

  • Fitto: pronti a lavorare su riforme governance economica Ue

    «Le nuove sfide e le priorità che il nostro continente dovrà affrontare nei prossimi mesi, richiedono nuove regole della governance economica e finanziaria. Riteniamo positivo quindi l’annuncio dato oggi dal commissario Gentiloni che entro fine mese ci sarà una prima proposta da parte della Commissione europea». Così in una nota il copresidente del gruppo Ecr-Fdi al Parlamento europeo Raffaele Fitto. «L’Italia e il futuro governo di centrodestra saranno sicuramente in prima linea nel lavorare per una riforma che non riporti all’austerity del passato, ma coniughi responsabilmente sostenibilità del debito e crescita».

  • Orlando: serve nostra agenda sociale, non quelle Monti-Draghi

    «Di equilibrismo in equilibrismo, è diventato sempre più difficile cogliere l’identità del Pd su questo tema tutt’altro che trascurabile. Da lì, credo molti dei nostri problemi. La responsabilità è diventata il surrogato dell’identità sociale. Stai al Governo e diventi il Governo. Ti inventi l’agenda Monti, quella Draghi, perché hai difficoltà a scriverne una tua sulla base dello specifico deficit identitario». Lo scrive su Facebook Andrea Orlando (Pd), parlando di «un tema cruciale come quello della cosiddetta questione sociale, cioè di come il Pd intenda contrastare le diseguaglianze economiche».

  • Macron a Roma il 23 e 24 ottobre, vedrà Mattarella

    Il presidente francese Emmanuel Macron sarà a Roma il 23 e 24 ottobre. Macron, si è appreso a Roma, vedrà il presidente Sergio Mattarella per un pranzo al Quirinale. Secondo quanto si è appreso Macron, accompagnato dal presidente Mattarella, visiterà la Comunità di Sant’Egidio.

  • Fazzolari (FdI): al Mef un laureato in economia

    «Il nostro ministro dell’Economia sarà laureato in economia». A dirlo ironicamente è il senatore Giovanbattista Fazzolari uscendo dall’assemblea dei parlamentari del suo partito. Incalzato dai cronisti sul ruolo, ha chiesto a sua volta: «Mi sa dire chi era il ministro indicato dal Pd? Ve lo dico io, è Gualtieri. E che percorso formativo ha? È laureato in storia».

  • Manca numero legale, su collaboratori deciderà nuovo Senato

    Sarà il consiglio di presidenza della prossima legislatura ad occuparsi dei collaboratori parlamentari del Senato. Oggi infatti nonostante l’istruttoria fosse pronta per adeguare le regole a quelle appena adottate dalla Camera è mancato il numero legale. È quanto riferiscono fonti parlamentari.

  • Antonio Guidi torna come senatore con FdI

    La XIX legislatura segna il ritorno anche di Antonio Guidi, ex ministro per le Pari opportunità nel primo governo Berlusconi. Stavolta ha guadagnato uno scranno in Senato correndo nel collegio plurinominale dell’Umbria per Fratelli d’Italia. Insieme a lui si sono accreditati anche i colleghi di partito Daniela Santanchè e Francesco Zaffini, due riconferme nella Camera Alta. «Cercherò di prendermi lo stesso scranno della scorsa legislatura», ha detto soddisfatto Zaffini mostrando ai fotografi la cravatta appena ricevuta nel corso della riunione dei parlamentari neoeletti di Fratelli d’Italia. Accreditati oggi anche, la matricola meloniana Francesca Tubetti,eletta in Friuli Venezia Giulia e per la prima volta in Parlamento, e il veterano Luca Ciriani attualmente presidente del gruppo a Palazzo Madama.

  • Guerini: da Russia atti criminali, siamo con Ucraina

    «Oggi giungono notizie drammatiche dall’Ucraina, di bombardamenti russi condotti indiscriminatamente sulle città, con obiettivi civili, che mietono vittime tra la popolazione. Sono atti criminali ai quali dobbiamo rispondere mantenendo salda la nostra posizione al fianco dell’Ucraina e reclamando la fine di questa guerra che reca sofferenza alla popolazione. Dobbiamo ribadire il nostro sostegno senza ambiguità, con molta chiarezza: l’Italia è al fianco dell’Ucraina e del suo popolo». Queste le parole del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, rivolte contingente italiano in Kosovo, incontrato a Pristina in occasione della cerimonia di trasferimento all’Italia del comando della missione Nato Kfor.

  • Al via l’accoglienza dei deputati, la prima è Lucaselli

    Sono iniziate a Montecitorio, nella sala del Mappamondo, le operazioni di accoglienza dei deputati in vista della prima seduta della XIX legislatura, il 13 ottobre alle 10. La prima deputata ad arrivare è stata Ylenia Lucaselli, rieletta alla Camera per Fratelli d’Italia. Tra i primi ad arrivare anche il ministro del Lavoro uscente Andrea Orlando. I neoeletti attendono in fila nel corridoi di entrare nella grande sala dove sono state allestite le postazioni per la raccolta de dati e la foto di rito da inserire nel facciario.

  • Meloni ai parlamentari FdI, sobrietà e rispetto istituzioni

    Un appello alla sobrietà nell’abbigliamento ma anche e soprattutto nell’atteggiamento e nei modi di confrontarsi con tutti dentro il Parlamento. Un atteggiamento che rispecchi sempre il rispetto delle istituzioni. Lo avrebbe fatto, a quanto si apprende, la leader di FdI Giorgia Meloni nel corso del suo intervento all’assemblea dei parlamentari del suo partito. Oltre alla presidente sono intervenuti diversi esponenti del gruppo dirigente: i due capigruppo uscenti Lollobrigida e Ciriani poi Ignazio La Russa, Giovanni Donzelli, Fabio Rampelli e Isabella Rauti tra gli altri. Sempre nel corso del suo intervento la presidente di FdI avrebbe chiesto ai suoi parlamentari la massima disponibilità nel garantire la presenza sia nelle aule che nelle commissioni parlamentari.

  • Berlusconi: non possono esistere veti o pregiudiziali tra alleati

    “Posso dire due cose, in astratto, sul piano metodologico. La prima è che a differenza di quanto si legge, non esistono, non possono esistere, fra partiti alleati, veti o pregiudiziali verso qualcuno. Se questo accadesse, ma non è il caso nostro, non lo potremmo mai accettare”. Cosi su ’Facebook’ il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi.
    “La seconda è che non procederemo con il ’manuale Cencelli’ in uso nella Prima Repubblica per spartire i posti di Governo secondo i pesi delle singole forze politiche, ma utilizzeremo come primo criterio di scelta l'efficienza, la concretezza, la capacità di lavoro dimostrata nel tempo da ciascun candidato”.

  • Regalati cravatta e foulard a parlamentari FdI

    Una cravatta agli uomini e un foulard alle donne. Stesso colore blu e i tre colori della bandiera italiana. È l’omaggio di Fratelli d’Italia ai suoi nuovi eletti durante l’assemblea dei parlamentari con la presidente Giorgia Meloni. Sulla confezione, il nome del partito e il riferimento alla 19/a legislatura.

  • Meloni: nostro obiettivo è correre su governo e programma

    «Se e quando il presidente della Repubblica dovesse affidarci l’incarico, puntiamo ad essere pronti e il più veloci possibile, anche nella formazione del Governo. Lavoreremo per procedere spediti partendo dalle urgenze dell’Italia, come il caro bollette, l’approvvigionamento energetico e la legge di bilancio. Perché il nostro obiettivo è correre, perché non possiamo e non vogliamo perdere tempo. Tutto quello che faremo sarà per difendere gli italiani e non saremo mai disposti a fare scelte che vadano contro l’interesse nazionale». Lo ha detto il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni nel corso dell’assemblea degli eletti in Parlamento di FdI.

  • Meloni: governo sia autorevole e parta dalle competenze

    «L’ho detto agli alleati e lo dico anche a voi che siete la squadra di Fratelli d’Italia in Parlamento: puntiamo a dar vita a un governo autorevole e di altissimo livello, che parta dalle competenze. Puntiamo a dare a questa nazione il governo più autorevole possibile. Non c’è spazio per questioni secondarie rispetto a questo obiettivo». Lo ha detto la leader di Fdi Giorgia Meloni, nel suo intervento all’assemblea degli eletti del partito.

  • Bonomi: non è tempo di flat tax o quota 100

    «Dobbiamo dire che le promesse fatte in campagna elettorale non possono essere in questo momento soddisfatte. È legittimo che i partiti cerchino di rispondere alle promesse elettori, ma non è il tempo per fare flat tax o misure d prepensionamento come quota 100». Lo ha affermato il presidente di Confindustria Carlo Bonomi all’assemblea degli industriali di Torino. «Ci auguriamo che il governo si formi al più presto, ci auguriamo un governo che punti alla stabilità vista la maggioranza che ha ottenuto, fatto di persone serie, competenti e il più possibile inappuntabili perché i problemi urgenti e abbiamo bisogno di ministri che conoscono la macchina pubblica e i dossier perché non c’è tempo».

  • Meloni: non ci ispiriamo a nessuno, noi modello per gli altri

    «Abbiamo rotto tutti gli schemi, creando diversi cortocircuiti nella sinistra e nel mainstream. Noi siamo una cosa completamente diversa da tutto quello che è stato visto finora. Noi non ci ispiriamo a nessuno ma siamo la nostra storia e vorremmo essere noi domani un modello di ispirazione per gli altri». Lo afferma la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni nel corso dell’assemblea degli eletti in Parlamento di FdI.

  • De Luca: a Napoli il 28 corteo per pace

    «Le preoccupazioni sociali stanno davvero diventando un’angoscia per le famiglie e per le imprese e si raccoglie quella che è una domanda fortemente presente nella società. Sarà il 28 ottobre una bella giornata di mobilitazione, di serenità e un invito fortissimo ai governi e alle forze politiche ad impegnarsi davvero per una iniziativa di pace». Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca a margine della conferenza stampa del torneo Atp 250 al Tennis Club Napoli. «Dobbiamo svegliare la nostra società, i nostri governi dal sonno della ragione nel quale mi pare stiamo precipitando tutti. Sappiamo che Zelensky è interessato come tutti noi a inizi un percorso di pace. Il primo momento è sempre quello più difficile, c’è un clima ovviamente di preoccupazione, di dubbi, di sospetti che un cessate il fuoco può avvantaggiare qualcuno. Ma cessate il fuoco significa congelare la situazione per quella che è e avviare concretamente un’iniziativa, poi vedremo. Se non partiamo mai con una iniziativa concreta non siamo in grado neanche di verificare quali sono i risultati possibili».

  • Letta: giovedì davanti ad ambasciata dell’Iran

    «Giovedì 13 ottobre ad un mese dall'arresto di #MashaAmini, morta poco dopo, saremo di fronte all'ambasciata dell’#Iran a Roma. Tutta la nostra solidarietà è nei confronti delle donne iraniane che in questo momento combattono per i loro #diritti, per valori universali». Lo scrive su Twitter il segretario del Pd Enrico Letta.

  • Meloni: squadra FdI in Parlamento è pronta

    «Professionisti, docenti, economisti, rappresentanti dei territori, amministratori, uomini e donne che daranno anima e cuore per difendere gli interessi e i diritti del popolo italiano. La squadra di Fratelli d’Italia in Parlamento è pronta a dare il massimo per la Nazione». Lo scrive in un post su Facebook la leader di FdI Giorgia Meloni.

  • Vestager: eccezioni su aiuti Stato siano ben giustificate

    «Qualsiasi eccezione» sugli aiuti di Stato «che facciamo in nome della crisi deve essere ben giustificata e contenuta negli accordi di flessibilità previsti dalle nostre regole di concorrenza». Lo ha indicato la vicepresidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, nel corso di una conferenza a Praga. «Sottolineo un punto semplice, che vale la pena evidenziare nell’attuale dibattito: i mercati competitivi non sono un lusso di cui godere nelle tranquille giornate di sole. Sono una necessità, tanto più quando il tempo si fa tempestoso», ha detto Vestager. «Proteggere la concorrenza è una questione di equità».

  • Mattarella: completare Pnrr, in gioco c’è ruolo Italia in Ue

    All’Italia «è stato accordato il pacchetto finanziario più consistente nel finanziamento ai Piani nazionali di ripresa e resilienza. Non possiamo perdere questa sfida. È stato compiuto il primo tratto del percorso, si deve proseguire rispettando tempi e impegni. Non possiamo dissipare questa opportunità di rinnovamento e sviluppo, utile per correggere storture antiche e accelerare le necessarie correzioni strutturali alla nostra economia. Ne va, anche, del nostro ruolo in Europa, che deve essere trainante». Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando ai Cavalieri del lavoro.

  • Al via assemblea parlamentari FdI con Meloni

    È cominciata, a Montecitorio, l’assemblea dei parlamentari di Fratelli d’Italia con la presidente del partito Giorgia Meloni. Tra volti noti, conferme e new entry sono arrivati Giulio Tremonti; l’ex pm Carlo Nordio un po’ emozionato per la sua prima assemblea da eletto; l’ex governatore siciliano Nello Musumeci; Livia Mennunni che ha battuto Emma Bonino e Carlo Calenda a Roma; l’editore toscano Alessandro Amorese; la più giovane della nuova squadra Grazia Di Maggio (di 27 anni); la fedelissima di Meloni, Chiara Colosimo oltre ai capigruppo Francesco Lollobrigida e Luca Ciriani, al responsabile dell’organizzazione Giovanni Donzelli e al responsabile del programma Giovanbattista Fazzolari.

  • Meloni arrivata alla Camera per riunione eletti FdI

    Giorgia Meloni è arrivata alla Camera per la riunione degli eletti di FdI.

  • Mattarella: porre subito rimedio a speculazioni su energia

    «Vediamo che la nostra Europa fatica a esprimere una politica di solidarietà e di coesione sulle conseguenze economiche e sociali di questa guerra. Assistiamo a un’impennata dei prezzi dell’energia che è attribuibile solo in parte a scarsità di approvvigionamenti, ma trova radice in azioni speculative che minacciano la vita di migliaia di aziende e mettono in allarme tantissime famiglie. A questo va posto rimedio». Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando ai Cavalieri del lavoro.

  • Mattarella: Ue bersaglio della guerra, ha dovere di risposta unita

    «L’Europa è un bersaglio di questa guerra. Ne sono sfidati i principi di civiltà, i valori che si sono affermati come risposta dei popoli alla barbarie della Seconda guerra mondiale e delle dittature che l’hanno provocata. Anche per questo l’Europa ha il dovere di una risposta unitaria e coerente». Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando ai Cavalieri del lavoro.

  • Giorgetti: riportare industria al centro dibattito

    «Ora, ancor più che in passato, l’Italia ha un gran bisogno di impresa e tutti siamo chiamati a fare il grande sforzo di riportare l’economia reale e l’industria al centro del dibattito della politica. Non che la finanza pubblica e gli obiettivi di bilancio non siano importanti, ma l’Italia è il secondo mercato manifatturiero a livello europeo: di questo non possiamo non tener conto, quando pensiamo all’intervento pubblico. Sentiamo tutti una gran fame di nuovi imprenditori, di nuove idee e soprattutto di giovani coraggiosi che abbiano voglia di mettersi in gioco!». Così il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenendo alla cerimonia per la consegna dell’onorificenza ai Cavalieri del Lavoro 2022 al Quirinale.

  • Neoeletti in centro a Roma, attesa per proclamazione

    Tutti in scuro, quasi tutti senza la proclamazione. Le strade nel centro di Roma tra Montecitorio e Palazzo Madama sono piene di parlamentari in attesa di presentarsi a Palazzo Madama ed a Montecitorio per i primi adempimenti in vista dell’inizio della nuova legislatura. Tutti, o quasi, condividono un problema: non hanno ricevuto il programma della loro proclamazione e dunque, in teoria , pensano di non potersi presentare al portone principale dove ricevere il primo saluto da parte dei commessi che poi li porteranno nelle sale adibite alla accoglienza. I tavolini del caffè Giolitti, in via Uffici del Vicario, registrano il tutto esaurito. Ad uno di essi si accomoda anche una neoeletta deputata molisana che ha avuto una brutta storta alla caviglia, su cui pone del ghiaccio per sfiammarla.

  • Verso Consiglio dei ministri nel pomeriggio per ok a Dpb

    Il Consiglio dei ministri, secondo quanto si apprende, dovrebbe riunirsi intorno alle 17 per esaminare il Documento programmatico di bilancio (Dpb) che costituisce l’ossatura della legge di Bilancio. Il documento, che va consegnato a Bruxelles entro metà ottobre, dovrebbe contenere solo le spese indifferibili per il 2023, quelle che si ripetono di anno in anno, in modo da lasciare al prossimo governo la nuove scelte di politica economica.

  • Papa: umanità in grande pericolo, lottate per la pace

    Il Papa invita i giovani a lottare per la pace. «Come ben sapete - ha detto ad un gruppo di ragazzi arrivati in Vaticano dal Belgio - stiamo attraversando momenti difficili per l’umanità, che è in grande pericolo. Questo è vero: siamo in grave pericolo. Pertanto vi dico: siate artigiani di pace intorno a voi e dentro di voi; ambasciatori di pace, affinché il mondo riscopra la bellezza dell’amore, del vivere insieme, della fraternità, della solidarietà».

  • M5S, domani Conte incontra i parlamentari

    Il leader M5A e neodeputato Giuseppe Conte incontrerà domani i parlamentari eletti con il Movimento. La riunione dovrebbe tenersi a Montecitorio in tarda mattinata.

  • Calenda: ci sono due Meloni, una di lotta e una di governo

    «Votiamo persone che usano la rabbia per prendere i voti e poi quando arrivano al governo, non avendo mai gestito nulla, dicono noi siamo europeisti». Così Carlo Calenda, intervistato a Omnibus, commenta l’attegiamento di Giorgia Meloni sul fronte nazionale e nei rapporti le forze politiche di altri Paesi all’indomani del messaggio inviato alla manifestazione di Vox in Spagna. Per Calenda ci sono «due Meloni, di lotta e di governo”. In alcuni casa “manca solo la maschera di Draghi ed è la stessa cosa».

  • Conte: nessuno parla di negoziare la pace, manifestiamo per via di uscita

    «Sono passati sette mesi e l’unica certezza è un’escalation militare con il rischio di una guerra nucleare e armi non convenzionali. Nessuno invece parla di negoziare la pace. Questa manifestazione, che dovrebbe essere senza bandiere di partito, deve condannare l’ingiustificata aggressione militare russa. Ma anche chiedere un’altra via d’uscita dal conflitto per evitare il rischio di uno scontro fuori controllo». Lo afferma Giuseppe Conte, in un’intervista a El Pais in cui spiega l’iniziativa di una manifestazione di pace. «Sarebbe inopportuno per me - prosegue - dettare i termini e le condizioni di una pace credibile, con un Paese attaccato che ha diritto alla sua sovranità e integrità territoriale. Ma deve essere un percorso basato sulla premessa della sicurezza. Dobbiamo trovare una via d’uscita per garantire il futuro politico dei prossimi decenni. Per questo ho lanciato l’idea di una conferenza internazionale di pace con le Nazioni Unite e la Santa Sede».

  • Senato, Calandrini (Fdi) il primo a registrarsi: di buon auspicio

    È stato Nicola Calandrini, di Fratelli d'Italia, il primo neo senatore a presentarsi a palazzo Madama per la registrazione in vista della nuova legislatura. “Io il primo? Di buon auspicio per la legislatura”, ha detto il neo senatore dopo aver sbrigato le formalita davanti agli assistenti parlamentari di palazzo Madama. “L'emozione c'e'. Come per il primo giorno di scuola. Per noi, poi, da primo partito in questa legislatura c'e' anche una responsabilita' in piu'”, ha aggiunto Calandrini, seguito a stretto giro da Luca De Carlo, sempre di FdI. Per tutti i neo senatori un kit con il regolamento del Senato, la Costituzione e i Trattati europei. “Routine, due foto e la consegna dei documenti, una formalita'”, ha spiegato De Carlo lasciando la sala caduti di Nassyria.

  • Letta: il Pd non si scioglie

    «Se il Pd cambierà nome? Discuteremo anche di questo. Saremo liberi di discutere di tutto. E' un processo vero di discussione e dibattito». Lo dice il segretario del Pd Enrico Letta. «Escludo» invece «lo scioglimento del partito», «abbiamo 5 milioni di italiani che ci hanno votato e chiesto di fare opposizione», aggiunge.

  • Meloni alla kermesse di Vox: non siamo mostri, viva Ue dei patrioti

    «Non siamo mostri, la gente lo capisce. Viva Vox, Viva Italia, vIva Spagna, viva l'Europa patrioti». Lo afferma la leader di FdI Giorgia Meloni nel suo saluto a Viva 22, la kermesse di Vox.

  • Oggi Meloni incontra gli eletti di Fdi

    Oggi Meloni vedrà gli eletti del suo partito (11.30 presso l’Auletta dei gruppi parlamentari di Montecitorio) mentre sono prevedibili durante la giornata nuovi incontri che la leader di Fdi condurrà, come di consuetudine, negli uffici del gruppo del suo partito alla Camera insieme allo staff.

  • Camera e Senato, da oggi gli adempimenti per i parlamentari eletti

    Il nuovo Parlamento avvia da oggi e fino a venerdì 14 i primi adempimenti accogliendo per la registrazione senatori (dalle 9 presso la sala Nassiriya di Palazzo Madama) e deputati (dalle 15 in sala Mappamondo a Montecitorio).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti