solidarietà

Campagna di Camera della moda, 3 milioni per sostenere il sistema sanitario

I fondi saranno gestiti dal Commissario straordinario per l’emergenza coronavirus e dalla Protezione civile - Molti i progetti già in corso grazie alla collaborazione con associazioni e autorità cinesi

default onloading pic

I fondi saranno gestiti dal Commissario straordinario per l’emergenza coronavirus e dalla Protezione civile - Molti i progetti già in corso grazie alla collaborazione con associazioni e autorità cinesi


4' di lettura


In attesa di sapere se il Pitti Uomo di giugno si terrà, ma già sicuri che le sfilate in programma a giugno a Milano slittano a settembre, Camera nazionale della moda italiana (Cnmi) si muove sul fronte della solidarietà.

Grazie al contributo straordinario dei suoi associati, destina 3milioni di euro a “Italia, we are with you ” un grande progetto di solidarietà creato dagli associati di Cnmi e aperto a tutti i brand di moda e alle associazioni di settore. Per venire incontro alle crescenti esigenze del sistema sanitario, verranno donate tramite il Commissario straordinario per l’ emergenza e la Protezione Civile macchine respiratorie e altri materiali medici, quali mascherine chirurgiche, reagenti e indumenti protettivi, destinati agli ospedali che ne avranno necessità, a partire dal nuovo ospedale dell’ ex Fiera Milano, che sarà centro di rianimazione a servizio della Lombardia e di tutta Italia.

Il contributo di tutti
Ogni Socio contribuirà al progetto donando alla Protezione Civile un importo non inferiore alla quota associativa prevista da Cnmi, i brand di moda non associati con una cifra equivalente e le associazioni con quanto da loro raccolto. L’ elenco dei partecipanti aderenti all’ iniziativa sarà costantemente aggiornato sul sito www.cameramoda.it.

Capitalizzare i buoni rapporti con la Cina
I macchinari e le attrezzature sono indispensabili per garantire la sopravvivenza dei pazienti in condizioni critiche e del personale sanitario. Attualmente sono di difficile reperimento a causa della situazione di emergenza mondiale. Camera Nazionale della Moda Italiana e Chic Investment Group, partner cinese di Cnmi, con il supporto del team italiano e cinese di Ernst & Young, hanno facilitato la cooperazione tra Protezione Civile e SINOPHARM (il più grande gruppo medico cinese) per fornire all’ Italia macchinari ed attrezzature mediche provenienti dalla Cina.

Solidarietà individuale e collettiva
«Con “Italia we are with you” i soci e tutte le aziende del settore moda dimostrano il loro cuore e il loro attaccamento al nostro Paese – spiega il presidente della Camera Carlo Capasa, –. I nostri associati hanno messo in campo tante e generosissime iniziative individuali, hanno convertito aree produttive delle proprie aziende per realizzare mascherine ed abbigliamento medico ed hanno dimostrato di fare sistema aderendo con decisione ad un’ iniziativa comune, in cui grazie alla forza di questa unione si è riusciti ad avere materiali di difficilissimo reperimento che speriamo contribuiscano a salvare molte persone che soffrono ed a cui esprimiamo la nostra vicinanza».

La collaborazione con la Cina
«Un ringraziamento particolare va al Commissario straordinario di governo per l’ emergenza, Domenico Arcuri e alla Protezione Civile, al suo Capo del Dipartimento Angelo Borrelli, per l’ incredibile lavoro che stanno svolgendo ed il prezioso supporto in questo progetto – ha aggiunto Capasa –. Devo poi ringraziare il nostro partner Chic Investment Group e il suo direttore esecutivo Helen Tu, per il prezioso supporto nella ricerca delle attrezzature mediche necessarie e le istituzioni cinesi che senza esitare sono intervenute, condividendo la loro esperienza e dimostrando quanto sia importante essere uniti in questi momenti di grande difficoltà. In particolare il governo di Nanjing, con cui l’ Italia collabora in modo estensivo da molto tempo, e che in quest’ occasione oltre ad una generosa donazione ha anche coordinato la logistica dell’ operazione, come risposta alla nostra campagna “China we are with you” lanciata negli scorsi mesi e che ha consentito a 25 milioni di persone di seguire virtualmente la nostra fashion week in Cina. Ora, i mesi che abbiamo davanti a noi non saranno facili, servirà molta coesione perché insieme abbiamo dimostrato di poter superare qualsiasi ostacolo.»

Altri progetti
Molto altro materiale che ci arriva dalla Cina sarà destinato da Cnmi al Comune di Milano che lo distribuirà secondo necessità coordinandosi con la Protezione Civile. Il China National Textile and Apparel Council, la China Fashion Association, la Shanghai Fashion Week, LZY SHUZHOU CHINA, la Shanghai International Fashion Federation ed il Consolato Generale della Repubblica Popolare Cinese a Milano hanno donato un alto numero di mascherine e materiale sanitario per l’ Italia.
Cnmi riceverà inoltre 10 macchine respiratorie aggiuntive donate da Xi’ an Sino-Italian Fashion Town e Nanjing Lishui Sino-Italian Innovation Town, che arriveranno da Shanghai.
In cooperazione con Italy-China Fashion & Creative Council ed il supporto del Governo di Jing’ An e Futian District verranno inoltre coinvolti attori del mondo imprenditoriale cinese delle città di Shanghai, Shenzhen e Nanchino, con l’ intento di aumentare sia le donazioni che la reperibilità di materiale sanitario sul territorio cinese.

Come contribuire
L’ iniziativa è aperta a tutte le associazioni di settore e i brand, i versamenti possono venire fatti a:
Banca Intesa San Paolo SpA
Filiale di Via del Corso, 226 - Roma
Intestato a Pres. Cons. Min. Dip. Prot. Civ.
IBAN: IT84Z0306905020100000066387
BIC: BCITITMM
Con causale: “Erogazione liberale ex art. 66 Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18”, inviando comunicazione dell’ avvenuto versamento a Camera nazionale della moda (all’ indirizzo barbara.beghin@cameramoda.it).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...