Contrattazione

Campari, parte il piano dell’azionariato diffuso per i 4mila lavoratori

Dopo l’accordo integrativo dei mesi scorsi, arriva la campagna di adesione che consentirà ai lavoratori di diventare azionisti del gruppo

di Cristina Casadei

2' di lettura

Se l’approccio a cui si guarda sempre più nelle relazioni industriali è quello partecipativo, Campari lancia la sua declinazione attraverso l’azionariato ai dipendenti, quello che in azienda si chiama già Camparista shares.

Dopo che nei mesi scorsi azienda e sindacati hanno raggiunto un accordo per introdurre nel contratto integrativo un Piano di partecipazione azionaria per tutti i lavoratori, il progetto, che sarà operativo da inizio 2022, è ai blocchi di partenza.

Loading...

Sta infatti per partire la campagna di adesione che prevede anche anche un meccanismo premiale per la maturazione di un’azione gratuita aggiuntiva per ogni due azioni acquistate e possedute da parte di ogni dipendente che aderisce al Piano.

I potenziali sottoscrittori sono tutti i 4mila addetti dei 22 impianti produttivi del gruppo che è stato fondato in Italia nel 1860 ed è oggi il sesto a livello globale nel settore degli spirit di marca. In Italia ha la sede centrale a Sesto San Giovanni e 4 stabilimenti a Canale, Novi Ligure, Alghero e Caltanissetta.

Il rafforzamento del senso di appartenenza

Giorgio Pivetta, responsabile delle risorse umane lo considera «un traguardo importante poiché le nostre persone, con la loro passione e il legame speciale con il gruppo, sono la vera chiave del successo a lungo termine del nostro business.

Il piano Camparista Shares è un modo per ringraziare i Camparisti per la loro continua dedizione e un’opportunità per rafforzare ulteriormente il loro senso di appartenenza a Campari Group».

Il ceo Bob Kunze-Concewitz aggiunge che «negli ultimi 20 anni dalla quotazione siamo cresciuti fino a diventare uno dei principali player globali nel mercato spirit acquisendo e costruendo marchi che sono diventati vere icone del settore. I Camparisti hanno contribuito a questo grande traguardo e attraverso Camparista Shares desideriamo premiarli per la loro partecipazione attiva alle performance del gruppo».

Il modello partecipativo

«L’avvio del progetto - spiega Massimiliano Albanese, del coordinamento nazionale industria alimentare della Fai Cisl - è un passo in avanti importante, anche perché oltre alla partecipazione finanziaria, i lavoratori acquisiscono specifici diritti di informazione e spazi decisionali».

Essere azionista Campari permetterà ai lavoratori di partecipare all’Assemblea generale annuale e di prendere decisioni congiunte sul futuro dell’azienda. Per il segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota «il piano rappresenta un salto di qualità per le relazioni industriali in chiave innovativa e partecipativa, come da sempre promosso dalla Fai e dalla Cisl, e si affianca al già rodato integrativo di gruppo con il premio di risultato e i piani di welfare aziendale, ampliando i principi fondamentali di partecipazione e democrazia economica».

Michele Tartaglione, segretario nazionale della Uila aggiunge che si tratta di «un elemento di eccellenza e un valore aggiunto non solo per il sistema di relazioni industriali del gruppo ma per l’industria alimentare. L’avvio del piano è stato favorito da un costante e proficuo confronto tra azienda e sindacati».

Il sindacalista è convinto che «la partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori, anche attraverso piani di azionariato diffuso, rappresenta una delle sfide da vincere nei prossimi anni».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti