ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di più36esima edizione

Campionati europei di nuoto a Roma nel 2022

L’Italia si aggiudica un’altra grande competizione sportiva internazionale: nel 2022 a Roma la 36edizione dei Campionati euopei di nuoto (l’ultima volta è stata nel 1983, mentre i Mondiali si sono svolti nel 2009). L’aggiudicazione avviene dopo che il nostro Paese ha ottenuto il Mondiale 2020 di Biathlon ad Anterselva, la partita inaugurale a Roma dei Campionati europei di calcio nel 2020, i Campionati mondiali 2021 di sci alpino a Cortina, i Mondiali 2021 di beach volleyball a Roma, le Atp finals di tennis dal 2021 al 2025 a Torino, i Giochi olimpici 2026 Milano-Cortina.

di Marcello Frisone


default onloading pic
(Massimo Lovati / AGF)

3' di lettura

È ancora l’Italia ad aggiudicarsi un’altra grande competizione sportiva internazionale. Dopo 39 anni, infatti, si svolgerà a Roma (che ha ospitato anche i Mondiali di nuoto nel 2009) dall’11 al 21 agosto del 2022 la 36esima edizione dei Campionati europei di nuoto (incluso fondo e sincronizzato) e tuffi (anche dalle grandi altezze). Lo ha comunicato il 2 dicembre 2019 la Ligue europeenne de natation (Len, Lega europea di nuoto) che sancisce un ulteriore riconoscimento al mondo sportivo italiano dopo che il nostro Paese si è già aggiudicato diverse importanti competizioni internazionali quali:
- il Mondiale 2020 di Biathlon ad Anterselva;
- la partita inaugurale a Roma dei Campionati europei di calcio nel 2020;
- i Campionati mondiali 2021 di sci alpino a Cortina;
- i Mondiali 2021 di beach volleyball a Roma;
- le Atp finals dal 2021 al 2025 di tennis a Torino ;
- i Giochi olimpici 2026 Milano-Cortina.
Che cosa è la Len

La Lega europea del nuoto (dal francese Ligue européenne de natation) è la federazione continentale europea di governo e coordinamento degli sport acquatici nuoto, nuoto sincronizzato, tuffi e pallanuoto. È stata fondata a Budapest nel 1926. Alla Len sono affiliate 51 nazioni europee, incluse Turchia, Cipro, Israele e le repubbliche ex-sovietiche del Caucaso. La sua sede è stata a Roma fino all’aprile 2010, poi spostata a Lussemburgo fino a maggio 2015, e adesso a Nyon.
Dal 29 settembre 2012 la Len è presieduta dall’italiano Paolo Barelli, già presidente della Federazione italiana nuoto (Fin) e l’organo di governo della federazione, il bureau, è composto da 17 membri, ciascuno di differente nazionalità, anch’essi determinati tramite elezioni. Uno dei compiti del bureau è di nominare le commissioni tecniche per le varie discipline.
Una candidatura presentata nel 2018
La decisione della Len premia una candidatura nata nella primavera del 2018 con diversi obiettivi:
- riportare in Italia una manifestazione internazionale delle discipline acquatiche dopo i Mondiali di nuoto del 2009;
-promuovere ulteriormente le specialità natatorie coinvolgendo i migliori atleti europei, protagonisti ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro del 2016 e ai Mondiali di Gwangju del 2019;
- alimentare la cultura dell’acqua e la prevenzione di incidenti per sommersione e annegamento attraverso la diffusione degli strumenti atti a vivere con responsabilità il mare che bagna gli 8.000 chilometri di coste del nostro Paese e gli specchi d’acqua e fluviali;
- utilizzare l’eredità impiantistica lasciata dai Mondiali del 2009, che insieme alle circa 1.500 società affiliate rappresentano i motori per l’incremento dell’attività di base e per la formazione di atleti di eccellenza.
Le reazione degli addetti ai lavori

«Siamo entusiasti, soddisfatti e pronti a raccogliere questa nuova sfida». Così il presidente della Federnuoto (e, appunto, della Len), Paolo Barelli ha commentato l’assegnazione degli Europei 2022 a Roma. «Ringrazio Governo, Comune, Regione e Sport e Salute, senza cui sarebbe stato impossibile presentare una candidatura sostenibile; la stampa che ci ha affiancato lungo il cammino e le società che sono gli artefici della crescita dei nostri praticanti e dei nostri successi internazionali e, dunque, della nostra credibilità».
Barelli ha sottolineato che «l’obiettivo è organizzare un evento che resti nella memoria della gente e degli appassionati, arricchisca la città di Roma, il territorio regionale e l’Italia dal punto di vista sportivo e, di riflesso, culturale, economico e infrastrutturale. Quale presidente della Len - ha continuato Paolo Barelli - desidero invece ringraziare le amministrazioni coinvolte per la candidatura espressa che copre tutti i punti richiesti dal bureau e consentirà alla lega europea e al movimento continentale di disputare il campionato presso una sede storica e prestigiosa dello sport ed estremamente turistica come Roma».
Il coinvolgimento di Governo e Campidoglio
«Una scelta - ha rincarato Vincenzo Spadafora, ministro per le Politiche giovanili e lo sport che inorgoglisce tutti noi e testimonia il ruolo sempre più da protagonista che l’Italia sta acquisendo nel mondo dello sport. Dopo 13 anni siamo riusciti a riportare nel nostro Paese una manifestazione internazionale delle discipline acquatiche. Sono certo - ha aggiunto Spadafora -che tutti gli attori coinvolti faranno un ottimo lavoro: Governo, Comune di Roma, Regione Lazio, Sport e Salute e la Federnuoto. Sarà un’edizione all’insegna della trasparenza e dell’ecosostenibilità, con il recupero delle strutture già esistenti che resteranno a disposizione del territorio dopo la fine delle gare. Adesso tutti al lavoro per rendere davvero indimenticabile questo evento».
«È una gran bella notizia per la città - ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi - e l’Italia. Roma ancora una volta vince e si conferma protagonista internazionale dello sport. Pensate, i Campionati europei torneranno in Italia dopo l’edizione del 1983. Ad agosto 2022 arriveranno nella Città Eterna 1.500 atleti da tutto il mondo per sfidarsi in appassionanti competizioni».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...