sanità e imprese

Cantina Tinazzi in campo per la salute neurologica

default onloading pic


1' di lettura

La cantina Tinazzi, nel rispetto del claim “Fare vini buoni che facciano del bene”, porta avanti anche nel 2021 l’impegno per la salute mentale con il progetto dedicato alle neuroscienze dal Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell’Università di Verona.
Il gruppo di cantine con sede a Lazise supporta da gennaio 2018 il progetto formativo che aiuta i medici e il personale sanitario a riconoscere i disturbi neurologici funzionali. L’idea è diffondere conoscenze e competenze sui disturbi neurologici funzionali tra le figure professionali coinvolte nel processo di diagnosi e cura di questa patologia. I disturbi neurologici funzionali sono caratterizzati da sintomi motori (es. tremore, disturbo della marcia, debolezza, spasmi muscolari) che limitano notevolmente la qualità della vita del paziente. Nonostante siano molto diffusi e disabilitanti, restano difficili da riconoscere, perché non riconducibili a un danno strutturale del cervello rilevabile attraverso i consueti esami diagnostici. Questo comporta un ritardo nella diagnosi e nella definizione dei percorsi terapeutici più adeguati, con un notevole impatto economico sul sistema sanitario nazionale. Con la pandemia è stata posta in essere una seconda linea di ricerca volta ad indagare l’impatto del lockdown sui sintomi funzionali dei pazienti e sul loro stato emotivo.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti