Economia del vino

Cantine d’Italia di Go Wine, una guida per la ripartenza dell’enoturismo

Premiate con le “impronte” le realtà maggiormente capaci di sposare la produzione del vino con l’accoglienza e la cultura del territorio

di Emiliano Sgambato

Vino: record storico (+7,1%) per vendite 1/o semestre

3' di lettura

Una guida del vino che vuole distinguersi dalle altre perché valuta le cantine anche (o meglio, forse, soprattutto) per la capacità di saper accogliere l’enoturista e saper spiegare i segreti dei propri prodotti e del territorio, non solo dal punto di vista strettamente enologico, ma mettendo l’accento sul legame con l’ospitalità e la gastronomia dei luoghi, con il senso stesso del viaggio. È la filosofia di “Cantine d’Italia - Guida per l’enoturista”, di cui Go Wine ha presentato l’edizione 2022. Una guida “da tenere in auto” con informazioni pratiche come gli orari di apertura per le visite in cantina e il nome del referente per l’ospitalità da contattare.

Un’edizione che si spera possa essere quella della ripartenza definitiva per il mondo dell’enoturismo, soprattutto per quelle cantine che magari non hanno la possibilità di sbocchi importanti nella grande distribuzione o all’estero, ma che hanno saputo aprire le proprie porte al pubblico, con le visite e le attività di accoglienza (dall’agriturismo e la ristorazione fino a veri e propri musei) che sono diventate una parte importante del business, oltre che un fondamentale canale di promozione. Attività che per forza di cose, tra lockdown e restrizioni, ha subìto una frenata negli ultimi due anni. Ora è appunto il momento di ripartire da dove si era rimasti: il valore dell’enoturismo secondo il Rapporto sul turismo del vino nel 2019 ha raggiunto 15 milioni di presenze per un giro d’affari stimato in 2,65 miliardi.

Loading...

Sono 820 le cantine selezionate dalla Guida, coordinata dal presidente dell’associazione Massimo Corrado, 245 le “Impronte d'eccellenza”, oltre 4.400 i vini segnalati, circa 1.500 indirizzi utili per mangiare e dormire.
Le “impronte” contraddistinguono, secondo Go Wine, le cantine d’eccelenza dal punto di vista enoturistico e sono attribuite alle realtà che hanno conseguito i punteggi più alti nella valutazione complessiva su tre fattori: sito (e cioè la cantina sia dal punto di vista della struttura che dei vigneti), accoglienza (vocazione ad aprirsi all’esterno sia come ricettività sia con iniziative culturali mirate) e profilo produttivo (il vino viene valutato nel corso del tempo, al di là della singola vendemmia, specificano i curatori della guida).

Salgono a 16 le cantine che raggiungono il vertice delle “Tre Impronte Go Wine” con l’ingresso della cantina San Felice di Castelnuovo Berardenga, in un parterre che comprende Badia a Coltibuono (Toscana); Bellavista (Lombardia); Ca' del Bosco (Lombardia); Capezzana (Toscana); Castello Vicchiomaggio (Toscana); Ceretto (Piemonte); Donnafugata (Sicilia); Feudi di San Gregorio (Campania); Ferrari (Trentino); Florio (Sicilia); Fontanafredda (Piemonte); Lungarotti (Umbria); Malvirà (Piemonte); Masciarelli (Abruzzo); Planeta (Sicilia); San Felice (Toscana).

La Toscana guida la classifica con 53 Impronte, seguita da Piemonte (43) e Veneto (34).Sono 8 le cantine che, entrate per la prima volta in guida con l'edizione 2022, ottengono l'Impronta: Castello di Ama, Castello di Poppiano, Fontodi e San Felice (Toscana); Cantina Tramin e Tenuta Kornell (Alto Adige); Di Majo in Molise e Firriato in Sicilia.Sono invece 4 le cantine già presenti in Guida che ottengono per la prima volta il riconoscimento: si tratta di Michele Chiarlo in Piemonte, Il Palagione in Toscana, Felline in Puglia e Contini Attilio in Sardegna.

Otto i premi speciali:“Alto Confort” per il relais aziendale va all'AgriRelais Baglio di Pianetto di Santa Cristina Gela; il premio“Cantine Golose” va alla Vineria De Tarczal di Isera, in Trentino; “Cantine Meravigliose” per l'enoarchitettura alla Marchesi Alfieri di San Martino Alfieri, in Piemonte; “Enocultura”, invece, è per il Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello della Fattoria dei Barbi a Montalcino, in Toscana; il riconoscimento “Autoctono si nasce” è per l'Alto Adige St. Magdalener Classico Moar della Cantina Produttori di Bolzano;  il premio “Buono… non lo conoscevo!” è per il Barbagia Igt Granazza di Sedilesu di Mamoiada, in Sardegna; quello per i “Vini Storici d'Italia” va al Valtellina Sfursat 5 Stelle della Nino Negri (del Gruppo Italiano Vini - Giv) di Chiuro, in Lombardia; infine, il premio “Gioacchino La Franca”, riconoscimento della community dei soci Go Wine per l'esperienza in cantina dell'anno va a “Il Palagione” di San Gimignano, in Toscana.

«La cantina è un luogo dove uomini e donne del vino operano e progettano il loro lavoro, dove sono portatori di storie e tradizioni familiari, oppure di più recenti investimenti – ha spiegato Corrado durante la presentazione –. Nel corso degli anni è diventata a pieno titolo un luogo di promozione del territorio perché invita al viaggio e comunica con la sua realtà un’identità territoriale fatta di tutto quanto ruota attorno: il paesaggio, i vigneti, la tradizione del luogo, i borghi. Una guida che pertanto non vuole rivolgersi soltanto ai “super appassionati”, ma che desidera essere un’occasione per creare cultura a favore del vino e dei suoi territori».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti