ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl bilancio dei festeggiamenti

Capodanno, Viminale: nessun morto, 35 persone arrestate. A Taranto un bambino ha perso la mano

Secondo la questura di Napoli, sono 16 le persone ferite dai botti tra Napoli e provincia: di queste cinque sono minori. Uno di loro è stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco al volto, a Caivano, mentre era sul balcone di casa

Capodanno, sequestrati 1,5 milioni di botti a Palermo

3' di lettura

Capodanno è alle spalle, e come ogni anno il giorno dopo si fa il bilancio dei botti di San Silvestro. Nessun morto, ma numerosi feriti in tutta Italia. Secondo i dati elaborati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, sono state trentacinque le persone arrestate e 273 denunciate. «I dati relativi agli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti non fanno registrare alcun episodio mortale - si legge nel report - In calo il dato dei feriti gravi con prognosi superiore ai 40 giorni, passati da 14 a 11, mentre il dato dei feriti con prognosi inferiore ai 40 giorni si presenta in crescita». In totale sono stati 646 gli interventi dei vigili del fuoco per incendi riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno, in leggero aumento sul 2022.

Viminale, 180 persone ferite, molti minorenni

Sono ventidue gli episodi più gravi, in termini di feriti, citati dal Viminale nel report relativo alla notte di Capodanno. Complessivamente sono 180 le persone che hanno riportato lesioni. A Roma un 17enne ha riportato lesioni alla mano destra con prognosi di 25 giorni, a causa dell’esplosione di un petardo mentre 19enne ha riportato lesioni all’orecchio sinistro. A Napoli un 26enne cittadino malese è stato trasportato in ospedale per la perdita di un dito della mano causata dall’esplosione di un petardo raccolto in strada mentre un 23enne è stato trasportato in ospedale a seguito di una ferita alla gamba destra, causata dallo scoppio di un petardo.

Loading...

Feriti anche Milano (un 21enne ha riportato la semi-amputazione di tre dita di una mano a causa dello scoppio di un petardo), Vercelli, Cremona e Firenze dove un 14enne è stato ricoverato in prognosi riservata per ferite multiple riportate a una mano e a una gamba a causa dello scoppio di un petardo. A Brescia un cittadino di 23 anni pakistano ha riportato l’amputazione di tre dita della mano mentre a Reggio Calabria un 40enne pregiudicato è stato raggiunto da un proiettile vagante ed è ricoverato in prognosi riservata.

Capodanno a Milano, fuochi d'artificio sui tetti

Amputata la mano a un bambino di 10 anni a Taranto

Una mano è stata amputata a un bimbo di dieci anni la scorsa notte nell’ospedale Santissima Annunziata a Taranto a causa delle ferite riportate per l’esplosione di un petardo. Un bambino di 12 anni è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Cervello di Palermo con una brutta ferita da esplosione da petardi. Le condizioni dell’arto sono compromesse tanto che il ragazzo rischia di perdere la mano: è stato trasferito al reparto specializzato che si trova al Policlinico. Al momento il bilancio dei feriti a Palermo, ancora provvisorio, è di altri tre arrivati negli ospedali del capoluogo.

Sedici persone ferite tra Napoli e provincia (cinque minorenni)

Secondo la questura di Napoli, sono 16 le persone ferite dai botti tra Napoli e provincia: di queste cinque sono minori. Uno di loro è stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco al volto, a Caivano, mentre era sul balcone di casa. Nel Casertano un uomo di 22 anni ha perso due dita della mano destra per l’esplosione di un fuoco d’artificio.

In Salento 80enne colpito alla testa da un petardo in prognosi riservata

In Salento un 80enne è stato operato ed è in prognosi riservata dopo essere stato colpito alla testa da un petardo. A Milano un 25enne è rimasto ferito a un braccio da un colpo d’arma da fuoco sparato dopo una lite da un uomo di 43 anni, che è stato arrestato.

Significativo aumento dei minori

In base ai dati forniti dal Viminale in questo fine anno si sono registrati 11 persone ferite da colpi di arma da fuoco, in lieve aumento rispetto ai dati del 2022 (10). Sul fronte dei minori si registra «un significativo aumento del dato complessivo: 50 a fronte degli 20 dello scorso anno». In relazione alla gravità delle lesioni riportate «si registra un aumento nel numero di feriti con prognosi inferiore o uguale a 40 giorni (169 a confronto dei 110 dello scorso anno). Per quanto riguarda invece i feriti gravi - spiega il report -, con prognosi superiore a 40 giorni, si registra una lieve diminuzione rispetto allo scorso anno (11 a fronte dei 14 del 2022)». I dati relativi agli arresti, alle denunce e ai sequestri, riferiti al mese di dicembre del 2022, risultano in aumento rispetto allo scorso anno per quanto concerne le persone denunciate, mentre si registra una lieve diminuzione sul fronte degli arresti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti