turismo

Capri, Hotel La Palma chiuso la prossima estate? L’isola insorge

Si diffonde la notizia, non ufficiale, di una chiusura per ristrutturazione dello storico albergo a pochi metri dalla piazzetta.

di Vera Viola


default onloading pic

3' di lettura

La notizia circola da qualche giorno: lo storico hotel La Palma di Capri, a pochi passi dalla piazzetta, a quanto pare, rimarrà chiuso la prossima stagione estiva per ristrutturazione. I dipendenti dell’hotel, oggi 40 circa, i capresi, i commercianti temono che l’albergo chiuso comporterà un grave danno di immagine all’isola. Persino la Federalberghi caprese si è mobilitata annunciando «forme di protesta clamorose», contro la decisione dei colleghi.

Un paradosso: Capri chiusa in estate?

Insomma, la domanda è: Capri potrà permettersi di chiudere uno dei più centrali e noti alberghi? Ne va del decoro dell’isola e del prestigio conquistato nel mondo. No, sostengono in molti, «non può permetterselo».

Lavoratori in allarme

A dire il vero, la notizia che ha tanto scaldato i cuori capresi non ha avuto conferma da parte della proprietà dell’albergo. Ma i 40 lavoratori assunti per l’estate sono molto preoccupati, hanno bussato alle porte del Comune chiedendo sostegno e chiarezza. Il sindaco ha promesso appoggio. Federalberghi si è mobilitata. E tutto ciò si è verificato a pochi giorni da quando una società anglo italiana ha rilevato l’hotel La Palma assieme ad altri cespiti della società Rb, Rizzo Bottiglieri De Carlini a seguito della lunga crisi, fallimento e vicende giudiziarie ancora in corso.

Il salvataggio del fondo inglese Reuben

È proprio così, la seconda famiglia più ricca del Regno Unito, quella che fa capo a David e Simon Reuben, di origini indiane, attraverso il Fondo di investimento Reuben brothers in accordo con Pillarstone Italy con una proposta al concordato fallimentare, omologata dal Tribunale di Torre Annunziata, ha offerto una scialuppa di salvataggio al gruppo armatoriale di Torre del Greco. Alla nuova società, Rb Italy holding Srl, in cui la famiglia di imprenditori campani resta presente con una quota minoritara del 25%, andranno gli attivi della compagnia armatoriale: una nave cisterna, sette portarinfuse secche, immobili di pregio...e l’hotel La Palma di Capri.

Il tam tam della piazzetta

A poche ore dalla firma dei nuovi proprietari inglesi, si è cominciato a temere per l’albergo caprese: il primo albergo di Capri inaugurato nel 1822 rischia di rimanere chiuso nel corso dell’intera estate. Sembra che si vogliano realizzare interventi di ristrutturazione al fine di migliorare la struttura e passare così dalle attuali quattro a cinque stelle. La notizia non ha avuto conferme ufficiali, ma la tensione sale di ora in ora. Giovanni Monti, da due anni direttore dell’albergo precisa: «Non mi è stato comunicato nulla. Ma ci sono motivi per essere preoccupati».

Federalberghi contro l’albergo

La paventata chiusura del La Palma ha fatto tanto scalpore da mobilitare anche Federalberghi . «Siamo pronti a forme di protesta clamorose – ha detto Sergio Gargiulo, presidente di Federalberghi Isola di Capri – L’albergo non può restare chiuso, recherebbe grave danno all’immagine dell’isola, oltre a danneggiare i lavoratori e più in generale il turismo di Capri e anche della Campania». Gargiulo fa presente che, se il motivo della chiusura sono i lavori di ristrutturazione, c’è evidentemente un errore di valutazione. «I lavori edili a Capri non sono consentiti durante la stagione turistica quindi prima di ottobre non sarà possibile ristrutturare un bel niente ».

Per la proprietà un boomerang

La decisione di chiudere sorprende e preoccupa anche per i danni che potrebbero derivare allo stesso hotel La Palma. Secondo informazioni fornite da chi vi lavora, ci sarebbero prenotazioni per camere, eventi, meeting arrivando a una occupazione del 70%. Tra gli eventi spicca poi la presentazione della nuova collezione “Cruise 2021” di Chanel, quest’anno per la prima volta programmata fuori da Parigi. Insomma, si ci domanda, bisognerà risarcire tutti quelli che hanno prenotato. Ma infine chi risarcirà il buon nome dell’isola di Capri? 

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...