test drive

Captur, il suv compatto da famiglia ora è anche plug-in hybrid e Gpl

di Simonluca Pini


default onloading pic

3' di lettura

Aumentano i centimetri e la capacità di essere scelta come prima auto di casa. La seconda generazione della Renault Captur gioca la carta delle dimensioni per confermarsi uno dei suv compatti più acquistati. Dopo essere stato venduto in oltre 1,5 milioni di esemplari dal 2013, il crossover transalpino si aggiorna a 360 gradi per rispondere alla concorrenza di modelli come Volkswagen T-Roc e le novità Peugeot 2008 e Nissan Juke. Cresciuta di 11 centimetri rispetto al passato, per un totale di 4,23 metri, la nuova Captur è già ordinabile e arriverà su strada a partire da gennaio. Realizzata sulla piattaforma modulare Cmf-B, condivisa con la nuova Clio, mostra rispetto al passato uno stile più dinamico partendo dalla grande presa d’aria anteriore fino alle caratteristiche luci diurne a forma di C. La vista laterale è caratterizzata da linee più tese, mentre la coda diventa più personale con i proiettori che riprendono il motivo a forma di c o di boomerang. Oltre alle luci a led di serie su tutte le versioni, arrivano anche i cerchi in lega da 18 pollici. La seconda rivoluzione arriva dagli interni, con l’abitacolo della Captur che riprende molte novità già viste sulla Clio iniziando dal grande schermo touchscreen da 9.3 pollici a sviluppo verticale, da dove gestire il sistema d’infotainment con navigazione satellitare con informazioni fornite da TomTom, ricerca di indirizzi Google e compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. Non manca la piattaforma connessa 4G con aggiornamenti automatici Ota (Over the air) e chiamata automatica di emergenza.

Davanti al guidatore le tradizionali lancette hanno lasciato il posto al cruscotto digitale da 10.2” configurabile, debutta nuova videocamera a 360 gradi e il freno di stazionamento elettrico con auto-hold. Se il livello dei materiali sulla ricca versione Initiale Paris punta a far concorrenza ai modelli premium, da sottolineare la mancanza del clima bizona anche tra gli optional. La maggiore lunghezza e il passo aumentato di 3 centimetri hanno contribuito ad un maggiore spazio per gli occupanti, con + 15 mm di spazio nella parte anteriore dell’abitacolo, + 40 mm per i passeggeri posteriori e 27 litri nei vani portaoggetti. Aprendo il portellone il volume aumenta di 81 litri per un totale di 536 litri e debuttano i sedili posteriori scorrevoli per 16 cm con pianale rimovibile e lunghezza di carico di 1,57 metri. Per la prova su strada saliamo a bordo della versione più potente a benzina (155 cv), abbinata al cambio a doppia frizione a 7 rapporti. I 270 Nm di coppia massima già disponibili a 1.800 giri assicurano un buon brio in ogni situazione, sensazione confermata dalla corretta rapportatura della trasmissione e confermata dallo scatto da 0 a 100 km/h coperto in 8.6 secondi con una velocità massima di 202 km/h.

Tra le strade nella provincia di Atene la nuova Captur mostra un elevato confort generale, con l’insonorizzazione decisamente migliorata se paragonata al modello precedente. Lo sterzo cambia consistenza in base al programma di guida impostato ( Eco, Sport e MySense configurabile), mentre i cerchi da 18” non sono i più adatti per le sconnessioni dell’asfalto ellenico. La lista di novità aggiunge anche nuove dotazioni in materia di assistenza alla guida, a partire dal cruise control adattivo (attivo da 0 a 170 km/h) e dal mantenimento della carreggiata. La dotazione comprende anche frenata automatica con riconoscimento pedoni e ciclisti, avviso dell’angolo cieco e riconoscimento dei segnali stradali.

In totale sono quattro gli allestimenti a disposizione ( Life, Zen, Intense, Initiale Paris), mentre tra le motorizzazioni si può scegliere tra i benzina da 100, 130 e 155 cavalli (quest’ultimi due con cambio Edc), diesel Dci 95 e 115 cv con il più potente anche con cambio a doppia frizione, la novità a Gpl da 100 cv e la versione E-Tech Plug- in hybrid 1.6 litri avrà 160 cavalli totali e fino a 65 chilometri a zero emissioni. Passando ai prezzi il listino parte da 17.700 euro per la Life Tce 100 cv, la Gpl da 100 cv sarà commercializzata nel primo trimestre 2020 a 18.500 euro e il modello provato costa 30mila euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...