Carburanti, dal tetto agli aumenti al bonus: tutti gli strumenti in campo per fronteggiare i rincari

1/7Dopo il Cdm di ieri

Carburanti, dal tetto agli aumenti al bonus: tutti gli strumenti in campo per fronteggiare i rincari

(ANSA)

Niente sconti sulle accise ma possibili interventi quando ci saranno maggiori incassi dall'Iva, più trasparenza nei prezzi, un tetto ai listini nelle stazioni di servizio sulle autostrade con sanzioni per i distributori “furbetti” che non si adeguano. Buoni benzina esentasse fino a fine anno. È la strada scelta dal governo per mettere un freno al caro-carburanti che sta colpendo automobilisti e autotrasportatori. Ecco le novità previste dal decreto-legge sulla trasparenza del prezzo dei carburanti approvato dal Consiglio dei ministri di martedì e ritoccato dal Governo nella riunione di giovedì. Misure alle quali le le associazioni dei gestori, unitariamente, hanno reagito con lo stato di agitazione della categoria, proclamando, per le giornate del 25 e 26 gennaio 2023, una prima azione di sciopero. L'esecutivo ha risposto convocando un incontro con le categorie venerdì 13

Nel Cdm del 12 gennaio che ha approvato alcune modifiche al decreto sulla trasparenza del prezzo dei carburanti, ad ogni modo «si è stabilito che, in presenza di un aumento eventuale del prezzo del greggio e quindi del relativo incremento dell’Iva in un quadrimestre di riferimento, il maggiore introito incassato in termini di imposta dallo Stato possa essere utilizzato per finanziare riduzioni del prezzo finale alla pompa».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti