BANCHE

Carige, dagli istituti soci del Fondo interbancario l’ok al salvataggio


default onloading pic
(ANSA)

1' di lettura

L’assemblea dello Schema Volontario del Fondo interbancario di Tutela dei depositi ha dato il via libera all’intervento in Banca Carige attraverso la sottoscrizione di bond subordinato per un ammontare massimo di 320 milioni di euro. La delibera richiedeva il voto favorevole di almeno il 90% dei depositi protetti e del 50% delle banche aderenti. È quanto viene riferito a Radiocor al termine dei lavori assembleari.

In base a quanto annunciato giovedì dal cda di Bca Carige, già oggi dovrebbe avvenire la sottoscrizione del bond da parte dello Schema Volontario: la somma che verrà coperta dal Fidt è di 318,2 milioni, mentre 1,8 milioni sarà sottoscritto da Banco Desio.

L’emissione del subordinato (che avrà durata decennale e un rendimento del 13%), con relativa sottoscrizione da parte del Fondo, consente così di procedere sulla strada del salvataggio di Carige. Prossima tappa a inizio 2019, con il varo di un aumento di capitale da 400 milioni che i soci saranno chiamati a a votare il 22 dicembre in assemblea; lo Schema Volontario, sostituendo il bond con azioni Carige, potrà diventare poi azionista della banca ligure una volta eseguito l'aumento che dovrebbe avvenire a marzo.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...