credito

Carige, via libera alla conversione del bond da 313 milioni

Ok dall’assemblea dello Schema Volontario del Fitd


default onloading pic

1' di lettura

L’assemblea dello Schema Volontario del Fondo italiano di tutela dei depositi (Fitd), riunitasi a Roma, ha dato il via libera alla conversione del bond Carige da 313 milioni di euro in azioni dell'istituto allo scopo di rafforzarne il capitale.

Si compone così il primo tassello del complesso mosaico necessario a garantire la salvezza dell’istituto libero, chiamato a presentare giovedì alla Bce un piano sostenibile di rilancio.

Sempre oggi è convocato a Roma il consiglio di gestione dello Schema Volontario del Fitd per valutare gli eventuali termini del piano. A questi si è aggiunto, in quella che è un'agenda fittissima, anche il comitato di gestione del Fondo obbligatorio che dovrebbe avere solo carattere informativo.

LEGGI ANCHE / Carige, tempo scaduto: cordata patriottica o bail in

Domani c'è invece attesa per il cda della trentina Cassa Centrale Banca, candidata al ruolo di partner industriale e che non andrebbe, almeno in questa fase, oltre il 10-15 per cento ponendo inoltre condizioni e paletti per il suo impegno che dovrebbe aumentare il prossimo anno.

La manovra complessiva per Carige si aggira sui 900 milioni: lo schema al
quale si sta lavorando è l'emissione di bond subordinati Tier 2 per 200 milioni di euro (Medio Credito Centrale e Credito Sportivo in prima fila) e un aumento di capitale da 700 milioni, per 320 milioni coperto dalla conversione del bond subordinato del Fitd. Il Fondo peraltro offrirà una garanzia, in tutto o in parte, sull'inoptato dell'aumento, di cui dovrebbe impegnarsi anche a sottoscriverne una parte.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...