Tessile per arredo

Carillo riporta in Campania la produzione di fascia alta

L’azienda che ha sede a Nola conta di completare il rientro delle lavorazioni e punta a investire nella formazione

di Vera Viola

La Angelo Carillo & C. che ha sede nell’Interporto di Nola: reparto progettazione e stile

3' di lettura

«Il reshoring per noi è iniziato nel 2016 e oggi siamo determinati a portare avanti questo processo». Resta convinto della decisione assunta a suo tempo,Giuseppe Carillo, amministratore della Angelo Carillo & C, azienda campana tessile e di arredo con sede principale nell’Interporto di Nola.

«Numerose aziende italiane, a causa soprattutto del Covid, hanno cominciato a “riportare a casa” – riflette Carillo – totalmente o in parte, la loro produzione, allo scopo di velocizzare gli approvvigionamenti rallentati o addirittura arrestati dalla pandemia. La nostra decisione è nata prima dell’emergenza sanitaria, da una riflessione aziendale e personale».

Loading...

L’azienda nolana nel 2016 ha avviato la rinazionalizzazione della sua produzione di fascia alta: giunti a scadenza i contratti con produttori cinesi, non li ha rinnovati e nel frattempo ha cominciato a procurarsi nuovi fornitori tutti italiani.

«L’obiettivo – aggiunge Carillo – era dare valore e qualità alle collezioni a maggior valore aggiunto».

La transizione a quanto pare non è stata semplice poichè dopo molti anni di produzioni delocalizzate all’estero, è stato sotto alcuni aspetti quasi un ricominciare. Riappropriarsi del know-how, investire sul territorio, soprattutto riformare le maestranze e ricostruire una filiera produttiva in Italia. «Per realizzare un prodotto di elevata qualità made in Italy e che rispecchi la nostra identità – aggiunge Carillo – abbiamo bisogno di seguire da vicino l'intero processo produttivo, dallo stile che nasce all'interno del nostro reparto, da poco incrementato con 5 nuove figure altamente qualificate, fino al prodotto finito».

L’operazione è partita dal riposizionamento dei due brand principali della Angelo Carillo, Reevér e Riviera, che oggi rappresentano il 40% del fatturato aziendale, e che stanno registrando un incremento del 25% rispetto al 2020. Per ogni marchio è stato identificato il proprio segmento di mercato e il relativo canale distributivo e si è deciso per un controllo totale sulle diverse fasi della produzione, per garantire il pieno rispetto degli standard qualitativi.

La produzione italiana è, ora, localizzata prevalentemente in Campania e Lombardia e rappresenta circa il 30% del totale, con una crescita di circa il 60% rispetto al 2016. Questa ha dato lavoro a un indotto di oltre 400 addetti.

«Far rivivere le maestranze italiane e poter avere con loro un rapporto diretto rappresenta una grande opportunità per lo sviluppo del made in Italy e una garanzia di qualità del prodotto – continua Carillo– Per portare avanti questo processo abbiamo bisogno di alimentare la crescita del nostro indotto con risorse qualificate. A questo scopo, siamo disposti ad investire sulla formazione dei giovani artigiani. La produzione all’estero ci aveva portato, inconsapevolmente, a diventare solo centri di sperimentazione dei prodotti per le imprese estere e a disperdere il nostro know-how. Vogliamo invertire questa tendenza: per riuscire in questo intento, dobbiamo agire non solo singolarmente, ma come sistema Paese, con piani di sviluppo a medio e lungo termine».

La Angelo Carillo & C. S.p.A. nasce dall’iniziativa imprenditoriale di Angelo Carillo e, dal 1952, opera nel settore tessile e arredo casa (letto, cucina e tende). L’impresa è titolare di tre brand principali: Linea Oro, Reevèr e Riviera. Negli ultimi anni ha anche sviluppato un canale di e-commerce “Carillo Home” che nel periodo più difficile del lockdown ha permesso in parte di compensare le vendite venute meno sui canali tradizionali. In controtendenza dopo l’avvio dell’e-commerce ha anche varato l’apertura di corner e negozi. Nel 2020 l’azienda di Nola ha realizzato un fatturato di quasi 28,5 milioni e nel 2121 prevede di raggiungere quota 30,5. Ha un organico di circa 80 dipendenti diretti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti