ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPaesi a confronto

Aiuti contro il caro bollette, ecco quanto hanno speso Italia e Germania

La Germania ha annunciato ora un nuovo scudo da 200 miliardi. In Italia le misure anti crisi dovrebbero arrivare a 40 miliardi con la manovra 2023

di Andrea Marini

Scholz: la Germania passerà l'inverno nonostante errori di Merkel

2' di lettura

La Germania ha annunciato di voler mettere in campo uno scudo da 200 miliardi per calmierare i prezzi delle bollette. Il Italia il nuovo governo non è ancora nato, ma già si ragiona attorno ai 40 miliardi per finanziare nella prossima legge di bilancio le misure anti inflazione e contro la crisi. Un confronto impari, che si rifletta già nelle misure stanziate finora per far fronte alle conseguenze dell’impatto della guerra in Ucraina: Berlino ha varato tre pacchetti di aiuti che insieme ammontano a 95 miliardi; l’Italia finora è arrivata a quota 62,6 miliardi.

Confronto impari

D’altronde il punto di partenza dei due paesi è senza confronto. La Germania ha un Pil annuo di 3,4 mila miliardi di euro, l’Italia non arriva a 1,8 mila miliardi. Il Pil pro capite della Germania è di 36 mila euro, quello dell’Italia si ferma a 26,9 mila. La Germania ha un debito pubblico inferiore a quello dell’Italia (2,5 mila miliardi contro 2,7 mila miliardi) ed inoltre molto più sostenibile, visto che il rapporto debito-Pil è attorno al 65% contro quasi il 150% dell’Italia. Da qui si capisce che i margini di intervento pubblico del governo tedesco per far fronte alla crisi post guerra in Ucraina sono molto più ampi.

Loading...

Le misure dell’Italia...

Nella nota di aggiornamento al Def, pubblicata dal governo Draghi il 30 settembre, si legge: «Il pacchetto di misure adottate nel corso del 2021 e 2022 è quantificabile in circa 62,6 miliardi (3,3 per cento del PIL) di cui 5,5 miliardi (0,3 per cento del PIL) per il 2021 e 57,1 miliardi (3,0 per cento del PIL) per il 2022, inclusivi dei 3,8 miliardi stanziati con la legge di bilancio per il 2022. Le misure sono raggruppate in quattro categorie: contenimento dei costi delle bollette, bonus sociali per le utenze elettriche e del gas, crediti di imposta per le imprese, riduzione delle accise sui carburanti. Tra le misure volte a contrastare il generale aumento dei prezzi, quella più rilevante è senz'altro l'erogazione delle indennità una tantum (9,8 miliardi) a diverse categorie di lavoratori, pensionati e beneficiari di altre prestazioni sociali.

...e quelle della Germania

A inizio settembre il governo tedesco ha varato un piano di aiuti da 65 miliardi, il terzo pacchetto dopo i due precedenti che totalizzavano insieme 30 miliardi. Le misure adottate si sono concentrate su un pagamento una tantum per pensionati e studenti, sul calmiere per il prezzo dell'elettricità, un nuovo biglietto per il trasporto locale a livello nazionale che sostituisca il biglietto mensile da 9 euro, l’aumento degli assegni familiari di 18 euro al mese per il primo e il secondo figlio. Un piano finanziato in massima parte dagli extraprofitti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti