AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùborsa parigi

Carrefour vola in Borsa, parla con Couche-Tard per aggregazione

La catena francese ha confermato di essere stata contatta dal colosso canadese per un progetto di aggregazione su base amichevole

default onloading pic
(AFP)

La catena francese ha confermato di essere stata contatta dal colosso canadese per un progetto di aggregazione su base amichevole


2' di lettura

Carrefour in ascesa alla Borsa di Parigi, dopo che il gigante francese della grande distribuzione ha confermato, con un brevissimo comunicato, di essere stato contattato dalla canadese Alimentation Couche-Tard “per un progetto di aggregazione” su basi amichevoli. Il titolo è arrivato a salire di oltre otto punti percentuali, dopo essere stato sospeso al rialzo nelle primissime battute della seduta, mentre l’indice Cac 40 è poco mosso. La capitalizzazione attuale di Carrefour è di 14 miliardi di euro.

Discussioni "molto preliminari" in corso

Alimentation Couche-Tard, quotato alla Borsa di Toronto, nella seduta di martedì 12 gennaio valeva circa 37 miliardi di dollari Usa (30,4 miliardi di euro). Entrambi i gruppi hanno sottolineato che le discussioni sono “molto preliminari”. Couche-Tard ha puntualizzato che l’operazione è “potenzialmente amichevole” e che “non c’e’ alcuna certezza in questo stadio che tali discussioni esplorative porteranno a un accordo o a un’operazione”. In una nota, gli analisti di Raymond James commentano che è difficile capire l’interesse strategico di Couche-Tard per l’acquisto dell’intera Carrefour, considerando che una parte importante della società francese riguarda format di vendita in cui Couche-Tard non è presente.

Loading...

Il gigante canadese con 14mila punti vendita

Il gruppo canadese è poco conosciuto in Europa, ma in 40 anni è diventato un gigante della distribuzione di prossimità, cioè dei mini-market, con circa 14mila punti vendita, per lo più associati a distributori di benzina, in cui offre una selezione di prodotti alimentari, giornali e sigarette, con orari di apertura molto ampi. E’ presente con vari marchi, tra cui principalmente Circle K, in America del Nord, ma anche in Europa del Nord (Scandinavia, Paesi Baltici, Irlanda e Polonia), America Latina e Asia. Nell’esercizio 2018-2019 (chiuso ad aprile) ha realizzato un utile di 1,8 miliardi di dollari Usa con un fatturato di 59 miliardi. Carrefour ha una rete di 12.300 negozi in oltre 30 Paesi e ha 320mila dipendenti. Nel 2019 il gruppo francese ha fatturato 80,7 miliardi di euro con un utile di 1,3 miliardi.

(Il Sole 24 ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti