Casa24

Ad Ancona i prezzi ritrovano la stabilità solo in centro

  • Abbonati
  • Accedi
focus città

Ad Ancona i prezzi ritrovano la stabilità solo in centro

Andamento “a singhiozzo” per il mercato residenziale di Ancona nella prima metà dell'anno. «Dopo un primo trimestre che ha visto un rallentamento delle compravendite e della domanda rispetto all’anno precedente – fa il punto Marco Ferri, agente Gabetti – il secondo trimestre ha mostrato una ripresa dell’attività». A livello complessivo il mercato ha mostrato tuttavia una buona tenuta. «La domanda – riprende a parlare Ferri – si può considerare sugli stessi livelli del 2017, a fronte di un'offerta in aumento e prezzi in fase di stabilizzazione, con lievi correzioni al ribasso. E per i prossimi mesi ci aspettiamo un leggero aumento del numero di compravendite, accompagnate da stabilità per domanda-offerta e ancora qualche correzione al ribasso sui valori».

Sempre per quanto riguarda i valori, le quotazioni sono ormai arrivate ad un punto di equilibrio in aree come il centro storico, Rione Adriatico e Borgo Rodi. Prezzi molto più “trattabili” ad Archi, Stazione e Piano e più in generale in quelle zone semi-centrali e periferiche della città in cui c'è una sovra-offerta di immobili in vendita.

In testa alla classifica delle tipologie più domandate da chi cerca casa nel capoluogo marchigiano spiccano le soluzioni dai 60-70 mq per un budget di spesa intorno ai 100mila euro. Seguono le soluzioni da 90-110 mq per un budget intorno ai 180-200mila euro. I “desiderata”, soprattutto nelle zone più centrali, includono: ascensore, garage, spazi esterni con vista mare, presenza di servizi e localizzazione in zone pianeggianti comode per la mobilità pedonale.
Sul versante mutui, i dati monitorati negli ultimi 6 mesi da Facile.it mostrano un importo medio di finanziamento richiesto pari a 133.045 euro, a fronte di importo medio effettivamente erogato di 120.132 euro e un valore medio dell'immobile da acquistare di 196.425 euro.

ANCONA, PREZZI ZONA PER ZONA
Andamento della domanda e dell'offerta immobiliare per quartiere e prezzi medi (in euro) al mq per tipologia di abitazione e tempi medi di durata delle trattative di compravendita (dall'incarico all'agente al compromesso). GlI affitti:canoni medi indicativi di affitto nelle diverse zone della città per un bilocale (dai 60 ai 70 mq) e per un trilocale (dagli 80 ai 90 mq)

Lo “stato di salute” del mercato lo si misura anche grazie a indicatori come le tempistiche di vendita, scese ad una media di 7,8 mesi e dai margini di trattativa dove, tra il prezzo con cui viene pubblicizzato l'immobile e prezzo di chiusura lo sconto è sceso a quota 16,8% (per tornare ad media così bassa bisogna tornare indietro fino al 2013).

GLI INDICATORI DELLE TRATTATIVE
I tempi medi di vendita delle abitazioni e il differenziale di prezzo tra richiesta iniziale e corrispettivo finale negli anni

Uno sguardo infine sul segmento degli affitti, dove si segnala, in particolare, una buona domanda nelle zone centrali della città o nei pressi delle facoltà universitarie. A muoverla sono gli studenti fuori sede, in grado di catalizzare i piccoli investitori privati che si stanno ri-affacciando sul mercato dell'acquisto da mettere a reddito. L'acquisto ideale per questa nicchia di soluzioni sono le 3 camere da letto per un budget dai 130 ai 150mila euro.

I TREND
Indicazioni degli operatori sull'andamento del mercato nei prossimi 12 mesi

© Riproduzione riservata