Casa24

Centrepoint a Londra cambia pelle e ospita appartamenti di lusso

  • Abbonati
  • Accedi
riqualificazioni

Centrepoint a Londra cambia pelle e ospita appartamenti di lusso

Un appartamento nel nuovo Centrepoint di Londra
Un appartamento nel nuovo Centrepoint di Londra

Centrepoint è per Londra quello che la Torre Velasca è per Milano: un punto di riferimento importante, molto visibile e impossibile da ignorare. Considerato un capolavoro dell’architettura brutalista da molti e una mostruosità di cemento da alcuni, il grattacielo di 34 piani svetta su Londra dalla cima di Oxford Street, a due passi da Soho e dal British Museum.

Quando era stato completato dall’architetto svizzero Richard Seifert nel 1966, Centrepoint non solo aveva portato un tocco di modernismo nel cuore di Londra ma era anche all’avanguardia nell’uso di componenti strutturali prefabbricate. Per molti anni però la visibilità e il prestigio dell'edificio, tutelato dalle Belle Arti inglesi, sono stati in contrasto con la realtà di un complesso di uffici semi-vuoti e senz’anima.

Nel 2010 il gruppo Almacantar ha acquistato Centrepoint con il progetto di trasformarlo completamente e cambiarne la destinazione d’uso da uffici a appartamenti. Un progetto ambizioso, ma reso possibile dalla disponibilità delle autorità locali di dare il via libera alle conversioni.
Conran & Partners ha avuto l’incarico di rendere il palazzo un edificio residenziale di lusso per il Ventunesimo secolo ma preservando e valorizzando gli elementi architettonici degli anni Sessanta.

Iniziando i lavori è stato scoperto che, come spesso succede negli edifici adibiti ad uffici, dettagli di grande bellezza come il pavimento in marmo bianco e nero erano stati nascosti e coperti, impianti di aria condizionata coprivano le finestre e il pianterreno era stato adibito a parcheggio.

Negli ultimi tre anni la facciata di pietra con la caratteristica struttura a nido d'ape è stata pulita, così come le 4.500 vetrate delle finestre, mentre l'interno è stato completamente trasformato. Il parcheggio è diventato un arioso ingresso a doppia altezza, come intendeva l'architetto, con una spettacolare scalinata. «L’unica cosa positiva del fatto che il palazzo era un ufficio è che ci sono sei ascensori, tre su ogni lato dell'ingresso, quindi i residenti non dovranno mai aspettare molto», spiega Daniel Ritterbrand di Almacantar.

Gli 82 appartamenti, che vanno da una a tre camere da letto, si sviluppano lateralmente e senza muri divisori per sfruttare al massimo le grandi finestre e fare entrare la luce. Ogni camera da letto ha un bagno en suite, armadi a muro e soffitti alti tre metri. I prezzi vanno da 1,8 a 9,2 milioni a seconda delle dimensioni.

Tutti gli appartamenti, data la posizione e l'altezza dell'edificio, hanno una vista straordinaria sul centro di Londra, ma il panorama più spettacolare si vede dall’attico, un vasto appartamento di 650 mq che occupa tutto l'ultimo piano e ha una terrazza che gira intorno al palazzo con vista a 360 gradi. Il prezzo di 55 milioni riflette l'unicità della penthouse.

Gli acquirenti hanno tre opzioni. Possono scegliere un appartamento con interni di Conran, di un’eleganza sobria, o gli interni più luxe della boutique di design Morpheus, oppure se preferiscono possono avere l’appartamento vuoto e pronto a essere personalizzato. Tutti hanno dettagli, dalle maniglie delle porte alle discrete decorazioni sugli armadi, che richiamano l'architettura dell'edificio. I residenti hanno accesso esclusivo alla zona comune con salotto e sala cinema e alla zona con piscina, palestra e sauna, che non è relegata nel seminterrato come spesso accade ma occupa i due piani sopra l'ingresso e affaccia sulla piazza.

Accanto a Centrepoint è in fase di completamento una nuova piazza pedonale con negozi, bar e ristoranti e molto verde, mentre dalla stazione Crossrail di Tottenham Court Road, di fronte all'ingresso del palazzo, a partire dall'anno prossimo si potrà prendere il treno veloce che collegherà est e ovest della città in tempo record, dall'aeroporto di Heathrow alla zona olimpica di Stratford.

© Riproduzione riservata