Casa24

Igd punta al consolidamento

  • Abbonati
  • Accedi
società quotate

Igd punta al consolidamento

Un piano strategico di consolidamento del business che punta a mantenere la posizione conquistata in dieci anni di crescita nel segmento dei centri commerciali.
Igd punta a seguire l’innovazione del settore, in odore di crisi sostiene qualcuno e meno attrattivo per i grandi investitori internazionali, incrementare la qualità del portafoglio e rafforzare la struttura patrimoniale. Sono comunque in programma investimenti sul portafoglio di circa 90 milioni nei prossimi tre anni.

L’obiettivo è cavalcare l’onda di rinnovamento del settore retail, che sta cambiando pelle cercando di fornire nuovi servizi alla clientela e più esperienza che shopping.
Oggi Igd ha un portafoglio nato da investimenti di 1,2 miliardi di euro in dieci anni (circa 820 milioni gli investimenti, 420 i milioni spesi per acquisti sul mercato) e punta a consolidare la leadership a livello italiano. “In questo Piano strategico al 2021 punteremo con ancora più decisione sul rafforzamento del posizionamento degli asset, sulla qualità delle strutture e su un’attività commerciale e di marketing d’avanguardia al passo con le più recenti evoluzioni del settore” ha dichiarato Claudio Albertini, amministratore delegato della società.
Nel frattempo Igd ha approvato i conti dei primi nove mesi del 2018 che hanno registrato ricavi netti da attività locativa di 92,3 milioni di euro (+ 10,7% sullo stesso periodo dello scorso anno), un risultato netto ricorrente di 59,5 milioni di euro (+ 21,5%) e vendite in aumento di poco più del 2% per le gallerie Italia, nonostante in settembre la stagione non abbia favorito gli acquisti nel settore abbigliamento. L’Ebitda della gestione caratteristica è pari a 85,1 milioni di euro, in crescita del 12,1% rispetto al 30 settembre 2017, e l’utile netto di competenza del gruppo nel periodo ammonta a 52,4 milioni di euro.
Stabile, a livelli elevati, l’occupancy media, pari al 97,2% in Italia e al 97,5% in Romania.
Si riduce ancora il costo medio del debito attestato al 2,67% (2,85% a settembre 2017). La Posizione finanziaria netta media del gruppo è pari a – 1.117 milioni di euro, in lieve incremento rispetto a settembre 2017 (- 1.065 milioni di euro).

© Riproduzione riservata