Casa24

Crowdfunding immobiliare, Trusters punta a operazioni semplici e di breve…

  • Abbonati
  • Accedi
investimenti

Crowdfunding immobiliare, Trusters punta a operazioni semplici e di breve durata

Arriva sul mercato un nuovo operatore attivo nel crowdfunding immobiliare. Si chiama Trusters, tutto a capitale italiano, piattaforma di tipo lending che sfrutterà una partnership stretta ad hoc con il franchising Re/Max.Immobili all’asta, cambi di destinazioni d’uso, frazionamenti con ristrutturazione e riqualificazioni, inizialmente nell'area milanese, poi Roma e Firenze. Queste saranno le principali proposte che Trusters proporrà agli investitori.

«In tutti i casi, si tratterà di operazioni poco complesse e rapide: puntiamo a remunerare i sottoscrittori nel giro di 9-18 mesi per ogni progetto, ha spiegato il co-fondatore e chief operation officer Andrea Maffi, broker immobiliare con anni di esperienza tra Milano e Como, a capo di un team di 70 consulenti.

Il ruolo della rete sarà centrale: «Saranno gli agenti partner, che conoscono il territorio di riferimento, a segnalarci le potenziali operazioni. Noi selezioneremo le migliori e, una volta deciso l’investimento, verrà creata la società veicolo che si occuperà dello sviluppo e riceverà i prestiti, derivanti dalle singole quote di investimento che potranno essere minime, anche da 100 euro».

È al livello della segnalazione che si inserisce la collaborazione con Re/Max, spiega Nicola Profumi, responsabile sviluppo di Re/Max Italia: «I nostri consulenti potranno non solo segnalare i progetti a Trusters, ma anche educare i loro clienti verso il crowdfunding e proporlo come modalità alternativa di investimento nel mattone. Quindi, abbiamo dato in mano agli agenti uno strumento formidabile di lavoro in più».

Il modello, quello del lending, è lo stesso di Housers, piattaforma nata in Spagna, che in Italia ha già raccolto circa 70 milioni di euro, con cui Trusters condivide anche la società che gestisce il sistema dei pagamenti (Lemon Way). Il primo progetto è già online: la trasformazione di un locale commerciale in un loft su due livelli a Milano, in zona Bocconi, con rendimento stimato (non garantito, come in tutte le operazioni crowd) del 6% in nove mesi.

L’obiettivo dichiarato dalla società è di presentare 30 operazioni nel corso del 2019 per una raccolta totale di 3 milioni. E i promotori puntano anche a potenziali investitori stranieri, dal momento che nel team c'è anche un referente per il mercato cinese.
Tra gli altri partner dell'iniziativa ci sono Folkfunding (che cura la parte tecnologica) e il Politecnico di Milano, con cui Trusters svilupperà corsi in ambito immobiliare non solo per professionisti, ma anche per privati desiderosi di approfondire la conoscenza del mercato.

© Riproduzione riservata