Casa24

A Genova diminuiscono gli sconti sui prezzi delle case e si vende più in…

  • Abbonati
  • Accedi
focus città

A Genova diminuiscono gli sconti sui prezzi delle case e si vende più in fretta

Genova (Agf)
Genova (Agf)

Partenza d’anno in linea con gli ultimi mesi del 2018 per il mercato delle case a Genova, che conferma quindi un numero delle transazioni residenziali in aumento e una stabilizzazione dei prezzi in gran parte della città. Sottolinea a questo proposito Francesco Salvetti, agente Teconocasa: «Dai prossimi mesi ci aspettiamo ancora un incremento delle compravendite con valori tendenzialmente stabili o leggermente in ribasso».

Anche la piazza genovese mantiene il suo dinamismo grazie a un maggiore accesso ai prestiti per la casa: in base ai dati monitorati in città da Facile.it, negli ultimi 6 mesi il valore medio degli immobili comprati con l’aiuto del mutuo è di 189.538 euro, l’importo medio di prestito richiesto è di 124.144 euro, a fronte di un importo medio erogato di 117.119 euro.

Si tratta, inoltre, di un mercato che si conferma sempre più rapido: la tempistica media per vendere casa è scesa a 7,7 mesi (mai così bassa dal secondo semestre 2013), con un margine di sconto in trattativa sceso ad una media del 15,8 rispetto al prezzo a cui l’immobile viene pubblicizzato (anche in questo caso per trovare valori analoghi è necessario risalire nel tempo, fino al primo semestre del 2014).

Nota Roberta Buonincontri, agente Re/Max: «L’offerta di immobili in vendita supera ormai da tempo la domanda, anche se il divario tra le due, in alcune zone della città, si sta riducendo, con un palese aumento delle richieste (ad esempio, nel centro storico)».

Le tipologie abitative che vanno per la maggiore sono il piccolo taglio, bilocale e trilocale. «Per entrambe le tipologie – spiega Roberto Ruocco, agente Gabetti – gli acquirenti-tipo sono principalmente giovani coppie, single e famiglie con non più di un figlio. Tra le caratteristiche richieste: vista mare, la possibilità di parcheggio e la presenza di spazi aperti, principalmente balconi o terrazzi».

Quanto alle zone, gli scambi si polarizzano sui quartieri centrali e quelle verso Levante, mentre si registra un “congelamento” delle compravendite nei quartieri direttamente colpiti dal crollo del ponte Morandi lo scorso agosto (principalmente Certosa e Sampierdarena). Leggermente diversa la fotografica sul fronte delle locazioni: «La domanda risulta in crescita per quanto riguarda monolocali e bilocali – aggiunge Ruocco – mentre si registra una diminuzione per appartamenti di più ampie dimensioni».

I PREZZI ZONA PER ZONA
Andamento della domanda e dell’offerta immobiliare per quartiere e prezzi medi (in euro) al mqper tipologia di abitazione e tempi medi di durata delle trattative di compravendita (dall'incarico all’agenteal compromesso) - GLI AFFITTI Canoni medi indicativi di locazione mensile nelle diverse zone della cittàper un bilocale (dai 60 ai 70 mq) e per un trilocale (dagli 80 ai 90 mq)

GLI INDICATORI DELLE TRATTATIVE
I tempi medi di vendita delle abitazioni e il differenziale di prezzo tra richiesta iniziale e corrispettivo finale negli anni

I TREND
Indicazioni degli operatori sull'andamento del mercato nei prossimi 12 mesi

© Riproduzione riservata