Casa24

In Usa vendite di case in calo, ma moderato aumento dei prezzi

  • Abbonati
  • Accedi
dati Remax

In Usa vendite di case in calo, ma moderato aumento dei prezzi

Diminuzione delle vendite e aumento dell’offerta: è questa la dinamica del mercato statunitense a fine 2018 secondo l’analisi dell’ultimo Housing Report pubblicato da Re/Max sulla base di dati rilevati in 53 città. Che ha anche registrato un moderato aumento di prezzi, segnando a dicembre il 33esimo mese consecutivo con quotazioni in crescita.

«La diminuzione di vendite immobiliari del 12,1% registrata nel mese di dicembre è stato uno dei record nel corso della storia dei 10 anni del Re/Max National Housing Report – segnala una nota –. Inoltre dicembre è stato il quinto mese consecutivo in cui le vendite sono state inferiori rispetto al 2017. È stato poi il decimo mese nel 2018 con vendite in calo rispetto all’anno precedente, ad esclusione di luglio e aprile». Ma il dato più significativo «è stato quello relativo alla crescita dell’offerta del 4,6%». L’aumento annuale ha segnato il terzo mese consecutivo di crescita: una tendenza che ha invertito il declino di una decina di anni caratterizzata da ribassi di offerta.

«Questo auemnto è una buona notizia – ha dichiarato Adam Contos, Ceo di Re/Max –. Il mercato rimane instabile e c'è ancora molta strada da fare, ma questi dati in aumento rappresentano passi importanti verso un mercato equilibrato, che a lungo termine sarà salutare sia per i compratori che per i venditori».

Gli acquirenti hanno pagato importi record per tutto il 2018, anno in cui i prezzi sono cresciuti in ogni mese dell'anno, guidati da un elevato prezzo medio di vendita di giugno a 258.500 dollari. «Nonostante ciò – continua la nota –  l'aumento su base annua di dicembre del 2,1% è stato il più basso del 2018, di gran lunga inferiore all'aumento dell'8,1% dei prezzi da dicembre 2016 a dicembre 2017».

Il calo delle vendite nella seconda parte dell’anno, secondo Contos, «era inevitabile» dato «il mercato al rialzo che continua il suo trend da quasi dieci anni; riteniamo che l'attività di vendita possa riprendersi se il ritmo di escalation dei prezzi si contiene, i tassi di interesse continuano a diminuire e l’aumento dei salari continua».

© Riproduzione riservata