la piattaforma m5S

Casaleggio a Roma “apre” Rousseau. Obiettivo un milione di iscritti

di Nicola Barone


default onloading pic
(LaPresse)

2' di lettura

«Il motivo per cui Rousseau è nato è per far partecipare le persone, all'interno del M5S le persone si candidano, partecipano alla scrittura delle leggi, il concetto stesso di Rousseau è quello di ascoltare e partecipare con le persone che vengono coinvolte nella nostra comunità». Davide Casaleggio cala a Roma per presentare alla Stampa Estera la piattaforma Rousseau. «L'obiettivo è riuscire ad aprire il più possibile non solo le iscrizioni, ma anche la partecipazione a tutti quelli che vogliono venire a partecipare alla nostra discussione. L'obiettivo è riuscire ad aprire il più possibile la condivisione ed è riuscire ad arrivare a un milione di iscritti entro il prossimo anno», spiega Casaleggio.

Grillo: "Le parole della politica non hanno più senso"

Per non iscritti accesso “limitato” alle funzioni
Citando il filosofo francese, se vuoi sapere cosa pensano i cittadini devi chiederlo. «Noi lo facciamo ogni giorno. Oggi stiamo chiudendo un ciclo di votazione del programma di governo durato sei mesi. Abbiamo circa 140mila iscritti su Rousseau e l'obiettivo è aprire il più possibile gli iscritti e la partecipazione, oggi apriamo Rousseau a milioni di italiani, che possono utilizzare gli strumenti e anche copiare gli emendamenti», dice il figlio dell’iniziatore dell’avventura pentastellata assieme a Beppe Grillo. Alla presentazione della piattaforma, cui hanno partecipato anche Danilo Toninelli e Enrica Sabatini, sono state illustrate le diverse funzionalità del sistema, da Lex Iscritti (dove è possibile proporre disegni di legge) a quella che aggiorna i meet-up del Movimento («call to action»). Come spiega Sabatini, tra i responsabili del sistema, alcune funzionalità della piattaforma Rousseau sono però “limitate”. «I non iscritti hanno la possibilità di poter visionare tutte le proposte di Lex Regione, Parlamento e Europa e possono partecipare attivamente alla funzione call to action. Solo gli iscritti però possono lanciare la chiamata all'azione, poi una volta raggiunti i cinque partecipanti l'evento diventa pubblico».

Voto online? «Garante intervenuto in meno dell’1%»
E dopo il caso Marika Cassimatis a Genova le regole per la consultazioni di Rousseau possono essere considerate ancora valide? «Per alcuni elementi è stato necessario l'intervento del Garante, ma si stratta di meno dell'1% dei casi in cui le votazioni sono andate a buon fine», risponde Davide Casaleggio.

«Raggi è autonoma, piono supporto del M5S»
«Pienamente autonoma in tutte le sue decisioni. Lo è sempre stata e ha il pieno supporto del M5s». Per Davide Casaleggio, interpellato sul sindaco Raggi, non c’è questione sul punto e aggiunge di non condividere l'opinione di chi non considera Raggi un modello di competenza. Quanto al proprio ruolo, parla di supporto al M5s: «non ho cariche elettive, ho sempre dato il mio sostegno gratuitamente, sono uno dei tanti attivisti volontari che hanno supportato il M5s in questi anni». Intanto, dopo un teso vertice notturno a Palazzo Senatorio, ad Andrea Mazzillo la Raggi conferma la fiducia per l'assessorato al Bilancio.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...