turismo

Case sulla neve, le 20 mete low-cost dove affittare

Il trend degli affitti brevi cresce anche in montagna (+25% nel 2018). Una soluzione che permette – soprattutto a famiglie e gruppi di amici – di trascorrere brevi soggiorni (la media è 4 notti) a prezzi ”modici”. Quanto? Lo abbiamo chiesto agli operatori del settore. Ecco dove cercare.

di Laura Cavestri


default onloading pic

3' di lettura

Comprare casa in montagna? Non sempre è possibile. Non sempre lo si vuol fare. Ma la vacanza destagionalizzata prevede periodi brevi (e frequenti) di fuga dalla quotidianità. Con un occhio alla qualità del soggiorno a prezzi accessibili. Ecco perchè anche in montagna – complici le abbondanti nevicate di inizio stagione – è boom di prenotazioni per gli affitti-brevi. Ma dove conviene di più? Abbiamo chiesto ad alcuni operatori del settore di redigere la loro lista delle 20 mete di montagna low-cost. Per single e famiglie. Eccole.

CaseVacanza.it
Per il sito CaseVacanza.it la ricerca dell’alloggio low cost può partire dal Trentino. Se i prezzi si riferiscono al costo medio a notte di un alloggio per 4 persone, nel periodo tra il 20 dicembre e il 3 gennaio, la più conveniente è Marilleva (73 euro), seguita da Ossana (74) e Molveno (82).

In Lombardia: Montecampione (76) e Livigno (82). Seguono: Valdieri (Cuneo, 84 euro), in provincia di Sondrio Grosio, Madesimo e Aprica (tutte tra 90 e 92 euro medi). Poi si vola in Abruzzo: quasi 100 euro medi il prezzo medio a notte per 4 persone a Rocca di Cambio (più cara, 108 euro, Pescasseroli, sempre in provincia de L’Aquila).

In Valle d’Aosta, la più conveniente è Morgex (101 euro), seguita a breve distanza da Arvier (107). Tra 101 e 104 euro i prezzo medi in Piemonte, a Pragelato e Sauze d’Oulx. Sulla vetta del prezzo, ra le località più accessibili, si collocano – dopo Canazei (105 euro) – Transacqua (109), Pieve Tesino (110) e Cavalese (115). Chiude Alleghe, in Veneto, con 117 euro.

«Molte di queste località, dai prezzi più accessibili, – ha spiegato Francesco Lorenzani, amministratore delegato di Feries srl, società che fa capo a CaseVacanza.it– consentono a una famiglia o a un gruppo di amici, di poter soggiornare comunque vicino alle piste più rinomate senza spendere una “fortuna”. Il fatto che alcune località, come Livigno, appaiano più “economiche” di altre, è anche dovuto al fatto che nelle prime i soggiorni medi sono solitamente di 7 giorni per appartamenti più ampi. Ciò significa che il prezzo medio a notte risulta più basso».

Tecnocasa
Rigorosamente la formula dei bilocali con 4 posti letto è la tipologia di immobile presa in considerazione da Tecnocasa, che valuta soggiorni nella settimana di Natale (più cheap) e in quella di Capodanno.

Si parte da Valle del Gran San Bernardo (350 euro per ciascuno dei periodi) per passare poi a Saint Vincent (500-600 euro medi) e Roccaraso (500-700). Segue Oulx (600 ciascuna settimana) e poi Cogne (800-1000) e Molveno (800-1200). Dai mille euro, Gressoney, Cervinia e Champoluc (tutti tra 1000 e 1500 euro settimanali).

«Sono in aumento gli affitti brevi anche nel comparto turistico, in particolare in alcune località come Sauze d’Oulx e Roccaraso – ha sottolineato Fabiana Megliola, responsabile Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa –. La motivazione è da ricercarsi nel rinnovato “modo” di trascorrere le vacanze ma soprattutto all’incertezza delle condizioni meteo, che condizionano ovviamente le scelte. In Trentino c’è una buona domanda di immobili in affitto anche da parte di stranieri e tale fenomeno è legato anche al miglioramento dell’offerta di impianti sciistici e servizi sul territorio. In generale, coloro che decidono di affittare una casa in montagna indirizzano il loro interesse sulle località che potenziano infatti i servizi, compresi quelli legati al benessere, come le terme».

Idealista
Non sempre si viaggia in quattro. Ecco perchè la classifica stilata da Rentalia (il portale di case vacanze di Idealista) individua, invece, le località dove pernottare con meno di 100 euro a notte nel periodo delle vacanze natalizie.

Si parte da Camigliatello Silano (provincia di Cosenza) da 10 euro a notte a persona. Che diventano 20 a Frabosa (Cuneo), 30 e 31 euro, rispettivamente, ai Piani di Bobbio (Lecco) e all’Abetone. Si sfiorano i 40 euro a persona ad Aprica (Sondrio) e si arriva a 50 ad Asiago (Vicenza).Di 55 euro è la tariffa media individuale al giorno a Maruilleva (Trento) e Roccaraso-Rivisondoli (L’Aquila). Sino ai 57 di Valtournenche (Aosta), che diventano 78 a San Martino di Castrozza , 89 a Canazei (Trento) e Montjovet (Aosta), sino ai 90 di Molveno-Andalo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...