ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl caso

Castel Volturno attira residenti grazie al reddito di cittadinanza

L’anno scorso la città ha registrato circa 2mila nuovi residenti provenienti da altri Comuni, per lo più campani, arrivando a quota 29mila abitanti in tutto

di Michela Finizio

(KONTROLAB/LightRocket via Getty )

2' di lettura

Il Comune di Castel Volturno, in provincia di Caserta, ha chiuso il 2021 con un saldo migratorio favorevole, pari a 27 nuovi abitanti ogni mille, in netto aumento rispetto al 2019.

Centro urbano affacciato sul mare, salito troppo spesso alle cronache nazionali – anche negli ultimi mesi – come teatro di rilevanti operazioni di Polizia o per questioni più generali legate alla scarsa sicurezza e all’immigrazione clandestina, all’anagrafe invece chiude bilanci demografici ogni anno sempre più positivi.

Loading...

«Negli ultimi anni la crisi occupazionale innescata sul territorio dalla pandemia – racconta il sindaco Luigi Petrella, di Fratelli d’Italia, che guida la giunta di centro destra dal 2019 – ha influito molto sul trend delle iscrizioni anagrafiche in città: la perdita del lavoro e le incertezze occupazionali hanno spinto molti a distaccarsi dalla famiglia e a fare residenza da soli. E qui siamo un paese di seconde case dove, del resto, prima i napoletani venivano solo in vacanza. Oggi queste abitazioni diventano prime case, per consentire ad altri componenti della famiglia di formare un nucleo indipendente e riuscire ad avere i requisiti Isee e reddituali per prendere i sussidi, in particolare il reddito di cittadinanza».

L’anno scorso la città ha registrato circa 2mila nuovi residenti provenienti da altri Comuni, per lo più campani, arrivando a quota 29mila abitanti in tutto.

Su un totale di oltre 53mila percettori di reddito di cittadinanza nel Casertano, quelli che risultano residenti a Castel Volturno sono più di 2mila secondo l’amministrazione. Al centro per l’impiego locale, risultano iscritti più della metà dei residenti.

Ma non sono solo i sussidi a determinare il fenomeno. Nel corso degli anni si è costruito molto in città e ci sono pezzi di territorio, come le zone di Destra Volturno e Bagnara, dove – oltre agli immigrati – si stanno insediando anche famiglie italiane, tutte provenienti dall’hinterland napoletano. «Ci sono alcune zone con case in affitto a prezzi molto bassi, molto più accessibili rispetto a quelli praticati nelle vicinanze di Napoli», aggiunge Petrella.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti