dopo le condanne dei separatisti

Catalogna: 80 feriti negli scontri della notte, 33 arresti

Nella notte gli sc0ntri la più violenti da quando sono cominciate le proteste per i leader separatisti condannati


Catalogna, l'appello di Pep Guardiola per "Tsunami Democratic"

1' di lettura

È arrivato a quota 80 feriti, tra cui 46 poliziotti, il bilancio degli scontri avvenuti in Catalogna la notte scorsa, la più violenta da quando sono cominciate le proteste per i leader separatisti condannati: la polizia ha arrestato 33 persone. Il premier ad interim spagnolo Pedro Sanchez presiederà una riunione con esperti del ministero dell'Interno ed altri ministeri sulla sicurezza.

Stamattina i dimostranti hanno bloccato numerose strade in tutta la Catalogna, inclusa l’autostrada verso la Francia. «Non ci sono giustificazioni per bruciare le auto né per qualsiasi atto di vandalismo. La protesta deve sempre essere pacifica», ha detto il presidente del governo catalano, Quim Torra, citato dai media locali, dopogli scontri nella notte in diverse città. «Non possiamo permettere che un gruppo di infiltrati danneggino l'immagine dell'indipendentismo», ha aggiunto Torra attribuendo così la responsabilità delle violenze a gruppi estranei.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...