OPERAZIONE CONGIUNTA POLIZIA-CARABINIERI 

Catturato il boss della camorra di Secondigliano Marco Di Lauro


default onloading pic
(Fotogramma)

1' di lettura

È stato catturato il superlatitante di camorra Marco Di Lauro, grazie a un’operazione congiunta di Polizia e Carabinieri. A renderlo noto è il titolare del Viminale Matteo Salvini che ha fatto i complimenti alle forze dell’ordine.

Di Lauro, il boss della camorra di Secondigliano tra i latitanti più ricercati d’Italia, considerato il secondo latitante più pericoloso dopo Matteo Messina Denaro, si nascondeva in un appartamento di via Emilio Scaglione, nel quartiere di Chiaiano, periferia nord di Napoli. Alla vista delle forze dell'ordine non ha opposto resistenza. È stato condotto in questura a bordo di una auto civetta della Polizia di Stato mentre dall’alto un elicottero sorvegliava la zona.

Di Lauro era latitante dal 7 dicembre 2004 quando è sfuggito a un maxi blitz.«Non era armato e non ha opposto resistenza», ha spiegato il questore di Napoli, Antonio De Jesu, che è sceso dai suoi uffici per accogliere i suoi uomini. Soddisfatto anche il comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli, colonnello Ubaldo Del Monaco, che ha evidenziato che l’azione si è svolta sotto il coordinamento della Dda di Napoli guidata dal procuratore Melillo. «Siamo contenti», ha aggiunto Del Monaco.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...