ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùvino

Cavit rileva Cesarini Sforza e Casa Girelli

Si rafforza il polo cooperativo trentino, fatturato a quota 250 milioni

di Vincenzo Chierchia

default onloading pic

Si rafforza il polo cooperativo trentino, fatturato a quota 250 milioni


2' di lettura

Si rafforza il polo vinicolo che fa capo a Cavit. Si è conclusa positivamente la complessa operazione che ha visto impegnate negli ultimi mesi Cantina di Lavis e Valle di Cembra Sca e Cavit Sc per il raggiungimento di un accordo che consolida il comparto vitivinicolo trentino. Come sottolinea una nota Cantina di Lavis e Valle di Cembra concludono il percorso di
risanamento, attraverso un piano straordinario elaborato e negoziato con
l'ausilio di primari advisor finanziari di cui un caposaldo è costituito dalla cessione di alcuni dei propri asset al gruppo Cavit. Grazie a questa operazione, il Gruppo Cavit diventa un polo vitivinicolo da 250 milioni di giro d'affari (190 milioni in precedenza).

Grazie all'accordo raggiunto, infatti, le società Cesarini Sforza e Casa Girelli vengono acquisite dal Gruppo Cavit, mentre Cantina di Lavis e Valle di Cembra Sca entra a far parte della compagine sociale del Consorzio di Ravina di Trento. La riorganizzazione strategica vede, infine, l'ingresso di Cavit nella società commerciale G.L.V.l che
distribuisce i marchi Cantina La-Vis e Cembra Cantina di Montagna.
Questo articolato piano e manovra finanziaria consente alla Cantina di Lavis e Valle di Cembra di salvaguardare i suoi 800 soci viticoltori.

Con l'ingresso nel Gruppo Cavit della Cantina Cesarini Sforza, il Consorzio potenzia la presenza nel segmento vini spumanti, rafforzando l'offerta di una denominazione tipica del territorio - Trentodoc - già egregiamente rappresentata dal marchio Altemasi. Per quanto riguarda Casa Girelli, la società continuerà, in modo autonomo, la propria attività focalizzata principalmente sul business delle private label per i mercati esteri.

In quest'ottica di rafforzamento, l'ingresso di Cavit nella struttura commerciale di G.L.V. Srl assume l'obiettivo di dare ulteriore impulso alla valorizzazione delle eccellenze di Cantina di Lavis e Valle di
Cembra.

Gli studi legali PwC Tls, Ioos e Dla Piper e CapitaLink, in qualità di advisor finanziario, coinvolti nell'operazione tra il Gruppo Cavit e la Cantina di Lavis e Valle di Cembra.

Infine Cavit è un consorzio di secondo grado. Situato nel cuore del Trentino, a Ravina di Trento, Cavit riunisce dieci cantine sociali, collegate ad oltre 4.500 viticoltori distribuiti su tutto il territorio, dalle quali riceve e seleziona le materie prime prodotte, controllando ogni fase, dalla raccolta, fino alla commercializzazione, con una produzione che rappresenta oltre il 60% di tutto il vino del Trentino. Cavit eccelle sui mercati internazionali con una quota export che sfiora l'80% dell'intera produzione. Negli Stati Uniti, in particolare, Cavit è tra i marchi di vino italiano più diffusi.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti