uffici

Cdp affitta a Enel per 10 milioni all’anno parte dell’ex Zecca dello Stato

Uffici sostenibili per 30mila mq affittati per 24 anni che saranno pronti nel 2022

di Paola Dezza

default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

Uffici sostenibili per 30mila mq affittati per 24 anni che saranno pronti nel 2022


1' di lettura

Sarà Enel a occupare buona parte degli uffici nella ex sede dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
La proprietà, Cdp, ha siglato un contratto di locazione della durata di 24 anni e pertanto realizzerà circa 30.000 mq, su un totale di 70mila mq, per Enel all'interno dell'edificio. Secondo indiscrezioni il canone sarà di circa dieci milioni di euro all'anno, in linea con i canoni “prime” della zona del centro di Roma.

La restante parte sarà destinata dalla proprietà ad ulteriori tenant, sempre ad uso direzionale.

Dopo una storia travagliata, progetti per farne un hotel non andati a buon fine, il contratto tra Cdp ed Enel porterà al definitivo recupero dell'immobile.
Il progetto, improntato alla sostenibilità, sarà completato nel 2022. A luglio 2019 sono iniziati i lavori di restauro delle facciate esterne, che si concluderanno entro la fine dell'anno.
Cdp investirà per la riqualificazione una cifra pari a 120 milioni di euro.
L'ex Poligrafico si trova in Piazza Verdi, nel quartiere residenziale Parioli-Pinciano, tra i due grandi parchi pubblici di Villa Ada a nord e di Villa Borghese a sud. Costruito nel 1914 come sede dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, è considerato uno degli immobili più rappresentativi dell'architettura liberty a Roma.

PER APPROFONDIRE:

Investimenti immobiliari, a Roma 5 miliardi tra il 2019 e il 2020
Bank of Montréal investe sulle vie top tra Milano e Roma

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati