SostenibilitÀ

Cdp in campo per sostenere la filiera del cacao in Ghana

Il gruppo guidato da Fabrizio Palermo ha supportato insieme a un pool di banche il maggior operatore del Paese con un finanziamento di 600 milioni di dollari

di Celestina Dominelli

Cdp: ok bilancio sostenibilita', cardine sviluppo Paese

Il gruppo guidato da Fabrizio Palermo ha supportato insieme a un pool di banche il maggior operatore del Paese con un finanziamento di 600 milioni di dollari


2' di lettura

Cassa depositi e prestiti scende in campo per supportare la filiera del cacao in Ghana che incide per il 7% sul Pil dello Stato dell’Africa subsahariana e coinvolge 4 milioni di persone. Insieme a un pool di banche, il gruppo guidato da Fabrizio Palermo ha supportato i piani di sviluppo e innovazione di Ghana Cocoa Board (“Cocobod”), maggiore operatore ghanese nel settore del cacao, con un finanziamento pari a 600 milioni di dollari. Grazie ai fondi raccolti, la società svilupperà su scala nazionale otto programmi di investimento a sostegno della produttività della filiera del cacao, contribuendo direttamente alla crescita economica del Ghana, il secondo paese produttore di cacao al mondo.

Il peso della filiera del cacao nell’economia ghanese

La filiera del cacao ghanese rappresenta il 20% del raccolto mondiale di cacao e il suo sviluppo rappresenta un fattore fondamentale per l'economia del paese.I programmi contribuiranno a risolvere alcune delle maggiori criticità strutturali che impattano negativamente sulla produttività agricola ghanese, sensibilmente inferiore a quella di altri paesi produttori comparabili. L'installazione di sistemi di irrigazione efficaci, la sostituzione di parte delle colture ormai vecchie o malate e la realizzazione di centri di stoccaggio, permetteranno un aumento dei volumi di produzione di cacao del 35% circa entro il 2023, oltre che ad una importante creazione sia diretta che indiretta di nuovi posti di lavoro in loco.

Loading...

Trentamila lavoratori assunti

Uno degli otto programmi oggetto dell'iniziativa prevede infatti l’assunzione di 30mila lavoratori che provvederanno all'impollinazione manuale di una superficie pari a 72mila ettari di colture. I programmi incrementeranno l'attività locale di lavorazione del cacao, ad oggi ancora poco sviluppata (solo il 18% del cacao prodotto viene processato in Ghana), cercando di aumentare la parte ghanese del valore aggiunto creato dalla filiera mondiale del cioccolato. L’operazione vede la partecipazione di diverse importanti banche sia commerciali che di sviluppo tra cui la African Development Bank, la Japan International Cooperation Agency e la Development Bank of Southern Africa. Cdp, in qualità di istituzione finanziaria per la cooperazione e lo sviluppo, parteciperà al finanziamento tramite una quota pari a 44 milioni di dollari.

L’impegno della Cassa oltreconfine

L'intervento ha l'obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile di uno dei paesi dell'Africa subsahariana di maggiore interesse per il sistema Paese, alla luce delle previsioni di una ulteriore crescita dell'interscambio Italia-Ghana nei prossimi anni. L’iniziativa rientra altresì nell’ambito dell’operatività oltreconfine della Cassa che, secondo i dati riportati nell’ultimo bilancio sostenibile della spa di Via Goito, ha visto mobilitati finora 437 milioni di euro sul fronte della cooperazione internazionale.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti