Le tensioni politiche

Discorso di Conte in Tv, Salvini telefona a Mattarella: «Fatto gravissimo»

Il leader della Lega telefona al Capo dello Stato. Fdi, Lega e Forza Italia: il premier ha trasformato la conferenza di stampa in un comizio, fatto senza precedenti

Coronavirus, Conte: "Servono eurobond subito per economia di guerra"

2' di lettura

Il leader della Lega Matteo Salvini ha espresso al capo dello Stato, Sergio Mattarella, “rammarico e indignazione” per un premier che ha usato la diretta tivù non per informare e rassicurare gli Italiani, ma per insultare le opposizioni (che sono netta maggioranza nel Paese) arrivando perfino a mentire, se non a minacciare. Lo rende noto la Lega. «Come si fa ad avere un dialogo con chi si comporta così? Roba da regime sudamericano. Dal governo - conclude la Lega - ci aspettiamo risposte, non polemiche o insulti».

Nel corso del colloquio telefonico con il Capo dello Stato, Salvini ha tra l'altro espresso grande preoccupazione per la situazione economica delle famiglie e delle imprese italiane, che dopo oltre un mese dalla chiusura non hanno ancora ricevuto un euro di aiuto dal governo e dall'Europa, ribadendo infine la contrarietà della Lega a qualsiasi utilizzo del MES sotto ogni forma.

Loading...

Meloni: scorrettezza Conte senza precedenti
Anche la leader di Fratelli d’Italia Gioegia Meloni è tornata sull’episodio in un’intevista al Tg1 per sottolineare che «irrituale utilizzare una conferenza
istituzionale per attaccare l’opposizione: tutti sanno che nel 2012 al governo c'era Monti e io non votai il Mes. La scorrettezza di Conte è qualcosa senza precedenti. Ma spero che Conte sia coerente andando al Consiglio europeo a dire no a un accordo che ha l’ok del suo ministro dell’Economia».

La lettera alla Vigilanza Rai
«Convocare la Commissione di Vigilanza oggi stesso per discutere delle gravi dichiarazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte». A chiederlo in una lettera inviata al presidente Barachini i capigruppo in
Vigilanza dei partiti di centrodestra, Daniela Santanchè (FdI),
Giorgio Mulè (FI), e Paolo Tiramani (Lega). Una reazione all’intervento in diretta tv del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha attaccato i leader di Lega, Matteo Salvini, e Fdi, Giorgia Meloni.

«Attacco senza precedenti»
Un attacco «frontale senza precedenti nella storia repubblicana» si legge nella nota in cui si accusa il premier di aver «trasformato la conferenza stampa in vero e proprio comizio politico». Il tutto “sulla principale rete del servizio pubblico, in orario di massimo ascolto, dove peraltro l'Italia intera si aspettava di ricevere comunicazioni sui provvedimenti inerenti al COVID-19».

Barachini: «Subito diritto di replica»
Pronta la risposta del presidente della commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini: «Ho fissato una riunione informale in videoconferenza dei componenti dell’Ufficio di Presidenza, estesa a tutti i commissari, per la giornata di martedì». Poi annuncia di aver inviato «una lettera ai vertici del Servizio Pubblico chiedendo che sia garantito quanto prima un proporzionato diritto di replica ai leader dell'opposizione citati nelle dichiarazioni del premier».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti