CREDITI PROBLEMATICI

Cerved Credit all’esame di Bain e dei fondi

di Carlo Festa


default onloading pic

2' di lettura

Grandi manovre in corso su Cerved Credit Management, la divisione del gruppo specializzata nella gestione dei crediti. Nelle prossime settimane potrebbero infatti concretizzarsi delle manifestazioni d’interesse.

Cerved è al lavoro con Mediobanca per finalizzare un mandato volto alla valorizzazione della business unit che al 30 giugno scorso aveva in gestione 53,3 miliardi di crediti, di cui 43,8 miliardi deteriorati e il resto performing.

Al momento, Cerved non avrebbe preso una decisione definitiva sulla sua controllata: tra le opzioni allo studio ci sarebbero la vendita dell’intera divisione, l’integrazione con un altro operatore per valutare una successiva Ipo o l’individuazione di un partner industriale che possa favorire lo sviluppo del business.

Nelle prossime settimane potrebbero però concretizzarsi delle manifestazioni d’interesse. Il dossier è infatti all’esame di diversi fondi di private equity: in campo ci sarebbero Bain Capital Credit, Cerberus e Apollo. Alla finestra ci sarebbero anche soggetti strategici come doValue (la ex-doBank), più impegnata sulla crescita estera, ma anche il gruppo Prelios, che tuttavia in questa fase è al lavoro per finalizzare l’operazione da circa 10 miliardi di incagli con Intesa Sanpaolo.

La divisione Npl Cerved Credit Management vale il 35% dei ricavi del gruppo e il 29% dell’ebitda. Nei sei mesi la divisione Credit management ha contabilizzato ricavi per 86,7 milioni (+30,5%) e un Ebitda di 30,9 milioni (+39,3%). Il gruppo può contare anche su una divisione credit information (146,8 milioni di ricavi a giugno) e un’altra dedicata alle marketing solutions (14,5 milioni): negli ultimi mesi è stato attivo nell’m&a rilevando Euro Legal Services, Mitigo Servizi e il 30,7% del capitale di Mbs.

Gli analisti hanno cominciato a stimare il valore della divisione, quando la scorsa settimana sono emersi i primi rumors sul mandato a Mediobanca. Secondo una primaria Sim milanese, la divisione Credit Management viene «valutata circa 385 milioni di euro».

Commentando qualche settimana fa con gli analisti i risultati del primo semestre, il Ceo Andrea Mignanelli aveva dichiarato: «Faremo del nostro meglio per cogliere le opportunità». Proprio il manager aveva indicato le tre opportunità: come acquisire altre società di gestione oppure vendere la propria business unit oppure ancora favorire un processo di aggregazione. Tutto il settore, del resto, sta vivendo una fase di fermento: con il primo passo mosso da Banca Ifis e Credito Fondiario, che a luglio hanno avviato una trattativa per tentare di unire le forze.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...