calcio

Champions: la Juve soffre ma vince, 2-1 allo Sporting

a cura di Datasport

1' di lettura

Pur senza brillare, e più di quantità che di qualità, la Juve riesce ad aver ragione di un coriaceo Sporting Lisbona, finisce 2-1 per i bianconeri la sfida dello Stadium. In svantaggio per uno sfortunato autogol di Alex Sandro, i bianconeri impattano nel primo tempo con Pjanic e agguantano la vittoria con la zuccata vincente di Mandzukic in una ripresa giocata con tanta voglia ma anche parecchia confusione. La Juve è ora seconda a quota sei dietro al Barcellona, primo a punteggio pieno. Prossimo turno a Lisbona il 31 ottobre.

I migliori della Juve: Pjanic, che trasforma con una naturalezza imbarazzante la punizione dell'1-1 e gioca una gara di grande lucidità, e il solito inesauribile Mandzukic che, oltre a dare una mano al centrocampo, non dimentica di essere un centravanti. Sottotono, invece, Dybala, e Alex Sandro, doppiamente colpevole nell'azione del vantaggio portoghese. Tra i lusitani brillano i due "italiani", Bruno Fernandes, ex-Samp, e Cristiano Piccini, prodotto del vivaio della Fiorentina. Deludono Bas Dost e l'argentino Battaglia.

Allegri fatica a ritrovare la Juve migliore: tanta voglia ma idee poco chiare, e insistere con Sturaro a destra non sta dando frutti: Jorge Jesus ha una squadra solida, anche se il talento è limitato. Male il direttore di gara, l'inglese Oliver: fischia tutto nel primo tempo, cambia metro nella ripresa, risparmiando gialli a Coates e Fernandes (per entrambi sarebbe stato il secondo), e a William Carvalho.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti