Coppa Italia

Chentre-Florean (Škoda Fabia) vincono la Finale Aci Sport Rally Cup Italia 2021

Una gara lunga e ricca di insidie che ha decretato i vincitori del Coppia Italia in tutte le sue varie categorie.

di Giulia Paganoni

2' di lettura

La lunga stagione della Coppa Rally di Zona, con le sue 44 gare disputate lungo tutta la Penisola, ha avuto il suo epilogo nel 41° Rally Coppa Città di Modena. Vittoria per l'equipaggio aostano/ligure Chentre-Florean davanti alla coppia degli emiliani Medici-Fenoli e Dalmazzini-Albertini. Ma sono tanti a festeggiare i titoli e i ricchi premi distribuiti da Aci Sport e dai costruttori.

Tre marchi sul podio della finale

Tre auto di marchi diversi sono salite sul podio della finalissima di Modena: La più veloce è stata la Skoda Fabia R5 guidata dal 46enne valdostano Elwis Chentre in coppia con il ligure Fulvio Florean. Alle spalle ha chiuso la Volkswagen Polo R5 di Daniele Medici e Manuel Fenoli e a chiudere il podio la nuova Hyundai i20 N Rally2 portata in gara da Andrea Dalmazzini e Andrea Albertini.

Loading...

Com'è andata la gara

Sin dallo start della gara, a farla da padrone sono state le condizioni meteo sempre incerte a cui ne hanno conseguito le difficoltà nella scelta degli pneumatici. Dopo le prime quattro prove speciali, al riordino di Serramazzoni, si è iniziato a guardare la classifica in modo un po’ più concreto e i distacchi erano davvero contenuti, con i primi quattro equipaggi in poco più di 10 secondi, rispettivamente: Profeta-Raccuia, Chentre-Florean, Medici-Fenoli e Bravi-Spangaro. Fuori già in questo momento di gara alcuni protagonisti: sulla terza prova, Barighelli2, è uscito di scena il primo leader della corsa Corrado Pinzano (Polo) vincitore della finale del 2019 e nella successiva prova Pellegrinetto, stessa sorte per una altro piemontese, Davide Caffoni (Fabia).

Sulla quinta prova arriva la vittoria parziale di Pollara-Mangiarotti (Fabia), quinto equipaggio diverso a vincere un tratto cronometrato, ma il colpo di scena si materializza nella terza ripetizione di Bargelli quando esce di strada Alessio Profeta (Fabia), il migliore tra i giovani Under 25, che perde parecchi secondi è poi decide di ritirarsi. A quel punto la classifica vede Chentre allungare con sufficiente tranquillità e la conferma arriva qualche minuto dopo, quando la Direzione di Gara ha deciso di annullare l'ultima prova speciale perché la nebbia ha reso troppo rischioso percorrere gli ultimi km di gara.

I premiati dei trofei

Il trofeo GR Yaris Rally Cup ha visto salire sul gradino più alto del podio un giovane volto del motorsport Angelo Pucci Grossi, 23 anni erede del grande campione su terra, in coppia con Francesco Cardinali. Suzuki ha visto invece svettare nel suo monomarca Igor Iani e Nicola Puliani on la Swift Hybrid. Peugeot Sport ha risposto con Lombardo-Spano protagonisti in Super 2000 e 12esimi assoluti con la 207, mentre tra le 208 R2C del trofeo del Leone hanno festeggiato Santero-Pelgantini.

I monomarca dei due principali gommisti che sono stati impegnati nella lunga stagione della Coppa Rally di Zona, Pirelli Accademia e Michelin Cup, premiano due dei tre piloti saliti sul podio, Chentre per Pirelli e Dalmazzini per Michelin.

Ultima segnalazione, per ora, ma decisamente importante e la classifica finale che ha premiato la migliore delegazione di piloti regionali. Alla sfida si sono iscritte 10 regioni e a vincere di misura è stata l'Emilia-Romagna con Medici-Dalmazzini-Fenoli, davanti alla Sicilia di Pollara-Lombardo-Mangiarotti e alla Toscana di Gasperetti-Pisani-Ciardi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti