la successione nella cdu

Chi è Annegret Kramp-Karrenbauer, «mini-Merkel» nuovo presidente Cdu

dal nostro corrispondente Isabella Bufacchi


E' Karrenbauer l'erede di Angela Merkel

2' di lettura

Il nuovo presidente della Cdu (Unione cristiano-democratica) è dunque Annegret Kramp-Karrenbauer che dal febbraio di quest’anno ricopriva la carica di segretario generale del partito. E non è un caso: dopo i suoi primi successi politici in Saarland, il più piccolo tra i 16 Länder, è stata battezzata «mini-Merkel». Ma questo nomignolo le sta stretto: sebbene il suo trampolino di lancio sia stato un elettorato regionale da 800mila persone, contro i 61,5 milioni di potenziali elettori in tutta la Germania, e sebbene come la Merkel si sia fatta largo in un mondo politico dominato da uomini, Akk cammina a testa alta per aver conseguito un successo elettorale nel 2017 che non ha uguali attualmente per il suo partito in crisi: l'anno scorso, infatti, ha ottenuto in Saarland il 40,7% dei voti, in risalita dal 35,3% del 2012.

L’ascesa nelle alte sfere della politica in Germania di AKK, nata nel 1962, cattolica e madre di tre figli, sta proprio nel fatto di essere riuscita a varcare la soglia del 40% nel suo Land: i membri della Cdu che la sostengono, confortandola con ampi consensi che la vedono in testa negli ultimi sondaggi contro l'altro forte aspirante alla leadership della Cdu (Friedrich Merz), sperano che con lei il partito riuscirà a tornare sopra il 40% alle elezioni europee del 2019 e del 2021, cancellando dunque il disastro recente in Assia, dove lo sorso ottobre la Cdu è crollata dell'11,3% calando al 27%.

I sostenitori di Akk si augurano che grazie a lei, che ha preso con chiarezza e vigore le distanze dalla decisione di Angela Merkel di aprire a oltranza le frontiere ai rifugiati nel 2015-2016, la Cdu riuscirà anche a fermare la crescita del partito di estrema destra Afd, tenendolo sotto il 10%: un traguardo ambiziosissimo per il 2019, anno in cui la Cdu teme di uscire a pezzi nelle elezioni in tre Stati nella ex-Germania dell’Est, Sassonia , Turingia e Brandeburgo dove Afd punta al 20% già raggiunto in Meclemburgo Pomerania nel 2016.

Annegret Kramp-Karrenbauer non è una mini-Merkel anche per altri motivi che vanno oltre la sua posizione più di centro-destra sull’immigrazione: è cattolica mentre la Merkel è protestante. Le posizioni di Akk sull’aborto, sulla religione islamica e sui matrimoni tra omosessuali sono più rigide rispetto a quelle della cancelliera che nei suoi 18 anni alla guida della Cdu ha spostato il partito verso centrosinistra frantumando l’Spd: c'è chi dice che Akk non avrebbe mai fatto ministro Jens Spahn, sposato con un uomo, giornalista tedesco e attualmente a capo del dicastero della sanità. Akk come Merkel è vicina alle posizioni ambientaliste dei Verdi, pur venendo dal Land del carbone, ed è sensibile tanto alle posizioni dei grandi conglomerati dell’industria e del business quanto ai disoccupati ed ai meno agiati.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...