ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVerso il voto

Chi è Cottarelli, il “mister spending review” che Letta vuole al Tesoro

Dal Fondo monetario internazionale alla revisione della spesa, la «punta di diamante» di Pd e +Europa

di Nicola Barone

Letta: "Cottarelli punta diamante nostra campagna elettorale"

3' di lettura

Sarà una delle principali «punte di diamante» della campagna elettorale. Pd e +Europa giocano una carta eccellente, quella di Carlo Cottarelli, per provare a farsi largo nell’area moderata dopo lo strappo di Carlo Calenda. L’economista ha ispirato il programma di Azione ed era considerato uno degli esponenti non-politici più spendibili non solo in fase elettorale ma anche in prospettiva post voto.

Dal Fondo monetario alla spending review

Non sono molto lontani i giorni nei quali, all’avvio della legislatura, venne chiamato al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per guidare un governo prima del superamento dello stallo da parte di Lega e M5s. Cottarelli dal novembre 2017 dirige l’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano. Dopo aver lavorato in Banca d’Italia ed Eni passa al Fondo monetario internazionale dove, a partire dal 1998, è stato attivo in diversi dipartimenti guidando unità che hanno affrontato alcune delle più pesanti crisi di bilancio nelle economie avanzate. Di fede interista e divoratore di serie tv (Games of Throne tra le preferite), viene raccontato come un grandissimo lavoratore dall’approccio rigoroso. È stato commissario straordinario per la revisione di spesa, nominato dal governo italiano, da ottobre del 2013 a novembre 2014.

Loading...

«Dare una possibilità a tutti». Italia a un bivio

La via progressista scelta da Cottarelli ha come chiave «la giustizia sociale, intesa come possibilità di crescita personale che tutti devono avere indipendentemente dal fatto di essere nati da una famiglia benestante o meno, dal fatto di essere nati maschi o femmine, dal fatto di essere nati al Nord, al Centro, al Sud, o con disabilità o meno. È l’articolo 3 della nostra Costituzione: dare una possibilità a tutti». Nell’intervento in cui l’economista spiega le ragioni del suo nuovo impegno non si negano le difficoltà alle viste. Per Cottarelli «l’Italia è a un bivio economico. Il Pnrr è stato portato avanti con energia dal governo Draghi. Questo, insieme a un uso oculato delle risorse messe a disposizione dall’Unione europea e dalla Bce ha consentito una forte ripresa”, osserva. Segnalando che «c’è chi ha affossato prematuramente il governo Draghi e chi parla di rinegoziare il Pnrr. E c’è chi si illude che la Bce debba continuare per sempre, anche in diverse condizioni di inflazione, a stampare euro come fosse il nostro bancomat. Gli spazi di bilancio andranno inevitabilmente a ridursi. Diventa allora fondamentale usare le più limitate risorse in modo oculato, dando priorità alla pubblica istruzione, alla sanità, agli investimenti pubblici».

Le bufale sull’economia italiana

Nel suo Pachidermi e pappagalli (2019) sono tre i fattori individuati alla base del successo delle bufale economiche in Italia. Il primo è la facilità con cui le notizie trasmesse in rete da chiunque riescono a raggiungere milioni di persone, il secondo «la potenziale efficacia comunicativa, consentita dalla rete stessa, nel combinare parole e immagini che parlano alla pancia». Il terzo è «un fattore più oggettivo» e riguarda «il deludente andamento dell’economia italiana nell’ultimo quarto di secolo».

Capitale umano contro squilibri territoriali

L’evasione fiscale, la corruzione, la lentezza della burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, il divario tra Nord e Sud. Ai «peccati capitali dell’economia italiana» che tengono storicamente lontani gli investitori esteri Cottarelli ha dedicato un libro nel quale viene sottolineata l’importanza cruciale del capitale umano. «È necessario rafforzare la pubblica istruzione nel meridione, una cosa in cui credo fortemente».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti