ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConflitto Russia-Ucraina

Chi è Dugin, l’ideologo che ha ispirato la «strategia ucraina» di Putin

Nato nel 1962 e vicino al presidente russo, viene considerato il fondatore del movimento euroasiatico

Oleksandr Dugin. (Moscow News Agency/Handout via REUTERS)

1' di lettura

Indicato come il “Rasputin di Putin” o “il cervello di Putin”, da molti in questi mesi il filosofo ed ideologo Oleksandr Dugin, la cui figlia Daria la notte scorsa è rimasta uccisa in un’esplosione che, secondo alcuni, aveva lui come obiettivo, da molti è stato considerato l’autore de facto della strategia in Ucraina del presidente russo.
Non ha mai ricoperto una posizione ufficiale nel governo russo, ed ha avuto in passato incarichi accademici e di capo redattore di Tsargrad TV, fervente emittente filoPutin, mantenendo sempre il massimo riserbo sul suo legame con il presidente russo. Ma è evidente che il suo linguaggio e la sua retorica, intrisa di sovranismo e occultismo di estrema destra, sono stati da tempo adottati dal Cremlino.

Ispiratore del movimento euroasiatico

Nato nel 1962 nella famiglia di un ufficiale dell’allora intelligence sovietico, Dugin, che iniziò la sua carriera come giornalista del giornale di estrema destra Den su cui nel 1991 pubblicò il manifesto «La grande guerra dei continenti» in cui presentava la visione di una Russia come «una Roma eterna» in lotta contro l’individualistico e materialistico Occidente «eterna Cartagine» - viene considerato il fondatore del movimento euroasiatico con l’obiettivo di creare una super potenza attraverso l’integrazione dell’ex repubbliche sovietiche in un’unione euroasiatica.

Loading...

La figlia Dugina (Daria), nata nel 1992, era laureata in filosofia all’università statale di Mosca. Scriveva per Tsargard e Rt, testate filo Cremlino, con lo pseudonimo di Darya Platonova. Era uno degli autori del “libro di Z” sull’invasione russa dell’Ucraina di prossima pubblicazione. Il 4 luglio era stata inserita nella lista dei sanzionati dal Regno Unito.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti